Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta
Executive Business Coach

La leadership è un importante fattore di successo per l'individuo: consente il raggiungimento di obiettivi importanti, la messa in atto di progetti, la realizzazione delle proprie potenzialità. Sviluppare una leadership più matura significa diventare capaci di stabilire relazioni più autentiche e profonde, costruire amicizie durature, sciogliere conflitti, affrontare i problemi, stare bene con sé stessi e con gli altri.

Nel contesto aziendale, il "manager leader" ha un grande vantaggio sul "capo": è molto meno solo. Supera il simulacro dell'onnipotenza e si radica nella sua umanità che riconosce fragilità, debolezze, dubbi. La relazione coi collaboratori si apre a un contatto più vero e rende possibile uno scambio reciproco. Così i processi di soluzione dei problemi decisionali possono diventare più robusti: il leader può confrontarsi con chi gli sta attorno a partire da sé stesso anziché dal simulacro del potere in cui rischia di ingabbiarsi appesantito dalle ansie delle responsabilità. Può condividere dubbi e incertezze, ascoltare contributi e proposte diverse da quelle spontaneamente immaginate. Evitando errori a volte gravi.

Ne beneficia l'equilibrio del leader come persona, ma anche l'intero sistema organizzativo, che si libera da tensioni e dinamiche improduttive, frutto spesso delle ansie collettive e individuali di fronte all'incertezza e al nuovo.

La leadership costituisce, quindi, un fattore fondamentale di efficacia organizzativa, soprattutto nei momenti difficili. Per questo molte aziende hanno investito negli ultimi anni, contrassegnati da forti criticità, sulla "leadership organizzativa", con l'obbiettivo di rafforzarla, renderla più diffusa, tradurla in una importante leva di coesione e compattezza organizzativa.

In che misura questo obiettivo è stato effettivamente raggiunto?

Non abbiamo dati certi, ma senza dubbio possiamo affermare che sviluppare davvero la leadership organizzativa è un compito possibile, ma arduo, che richiede rigore e un investimento adeguato, anche se non necessariamente gigantesco.

La leadership è un elemento complesso e sfaccettato e può dispiegarsi solo se ogni individuo è spinto a progredire a partire dal suo punto di partenza e di potenziarla con una maturazione nel tempo in stretta connessione con la consapevolezza del proprio contesto nelle sue diverse dimensioni: le persone del proprio entourage, le connotazioni del ruolo, le sfide del business.

Questo richiede impegno e tempo. Per fare cosa? Sostanzialmente per contestualizzare la situazione del sistema in cui si opera, identificandone caratteristiche e opportunità. Ma sopratutto per guardarsi allo specchio, conoscersi meglio, mettersi a fuoco, sapere dove impegnarsi per migliorare la propria efficacia. Occorre aggiungere al tempo dell'azione il tempo della riflessione, in cui revisionare con cura le proprie azioni, coglierne le sfumature emotive in sé e negli altri, identificarne i risultati rispetto agli obiettivi voluti e chiedersi se era possibile agire in modo più efficace. Possibilmente in prossimità degli episodi appena vissuti, prima di vederli affogare nel fango della smemoratezza o di nuove criticità. Occorre poi prendersi altro tempo per definire quando e in che occasione sperimentare nuovi comportamenti più efficaci e sondare nell'immaginazione quanto ci si sente a proprio agio nel metterli in atto. E così metterli a punto, ridurre i rischi e via via attivare il giro virtuoso dell'effettivo miglioramento.

È evidente che tutto questo possa entrare in collisione con i tempi stretti della quotidianità. Occorre un percorso strutturato che lo sorregga, aiutando le persone a costruire nuove abitudini e prendere confidenza.

La leadership è una relazione e si esplica in comportamenti in cui giocano sia le componenti emotive sia quelle razionali. Perciò solo un percorso che metta in gioco la relazione con sé e le dinamiche con gli interlocutori produce maturazioni autentiche e percepibili nei comportamenti. Solo un lavoro dedicato alla persona che affronti le complessità delle diverse situazioni concretamente vissute consente di sperimentare nuovi approcci e andar oltre gli schemi abituali. Se l'impatto atteso è sulla cultura organizzativa, su un clima che sostenga la crescita professionale, il miglioramento delle performance o addirittura la messa in azione di nuovi paradigmi di business, solo il Coaching individuale in parallelo ai momenti di Team Coaching e di training d'aula (necessari per mettere a fattore comune le scoperte e i progressi e tradurli in prassi organizzative) è in grado di coltivare la crescita individuale integrandola allo sviluppo collettivo. La dimensione individuale e quella collettiva diventano così due poli che si rinforzano a vicenda e producono tutto il valore atteso.

Concretamente, di quanto tempo stiamo parlando, per produrre risultati effettivi?

La mia esperienza mi dice che un percorso come quello delineato richiede alcune giornate di gruppo (almeno quattro o cinque) nell'arco di quattro-cinque mesi, affiancati da almeno dieci ore di incontri di Coaching individuale.


17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant