Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità
Davide Merletto
Senior Business Coach, Partner e Docente SCOA

"Le graduatorie servono a farvi capire a che punto siete, non chi siete." (David Foster Wallace)

La linea che separa la cooperazione dalla competizione è sorprendentemente sottile.

La seconda guerra mondiale fu un conflitto terribilmente intenso. Tra i vari episodi drammatici che hanno caratterizzato questo tragico evento della nostra storia, è interessante osservare nel dettaglio quello tra gli Stati Uniti e il Giappone. Dopo bombardamenti feroci da ambo le parti, culminati con il lancio di due bombe atomiche, quando alla fine i giapponesi si arresero, il conflitto si trasformò subito in cooperazione. Per esempio, il Generale McArthur rese illegale per qualsiasi americano colpire una persona giapponese e, addirittura, c'era una tale carenza di cibo che vietò agli statunitensi di mangiare qualcosa di diverso dalle loro razioni. Da lì in avanti si cominciarono a ricostruire fabbriche e a creare partnership, arrivando infine a firmare ufficialmente una "dichiarazione di cooperazione".

Ma cosa succede nel Business, che ci fa passare rapidamente da alleati ad avversari e viceversa?

Ci sono fondamentalmente tre princìpi che innescano il passaggio tra questi due territori sociali.

Il primo è la scarsità. Nella foresta amazzonica, alcuni gruppi di scimmie formano dei collettivi per condividere le informazioni legate alle migliori riserve d'acqua, in modo tale che tra i vari gruppi non possa nascere nessun conflitto associato a questa risorsa. Nella savana, la situazione è molto diversa e i comportamenti legati alla ricerca dell'acqua sono ben più conflittuali rispetto a quelli adottati nella foresta pluviale ! Le risorse nel nostro ambiente possono essere limitate o abbondanti e questo è il primo impulso che ci sposta da "compagni" ad "contendenti".

Il secondo principio è la socievolezza. Gli esseri umani desiderano la compagnia e, in effetti, una delle peggiori forme di punizione è l'isolamento. Le neuroscienze ci insegnano che dopo pochi giorni di solitudine forzata la mente umana inizia a decadere, le persone provano spasmi di rabbia, malessere e apatia e dopo un isolamento prolungato provano addirittura allucinazioni. Tutti desideriamo ardentemente il contatto umano, la mente ha bisogno di essere socialmente connessa. La socievolezza spesso evolve in partecipazione, il grado con cui le persone si percepiscono in una relazione, si preoccupano e si fidano l'una dell'altra. La partecipazione ha un beneficio tanto psicologico quanto fisiologico, sia per il donatore sia per il ricevente, ecco perché questo principio aiuta spesso a portare i "battitori liberi" ad entrare in squadra.

Il terzo principio è l'instabilità dinamica. Il mondo intorno a noi è aleatorio. Cambia. È mutevole. Mentre stiamo collaborando con i nostri colleghi per raggiungere traguardi comuni, in qualche misura stiamo anche gareggiando per cose come il riconoscimento, una promozione o un'opportunità di sviluppo. Proprio come il mercato azionario, mentre le cose intorno a noi stanno cambiando anche noi abbiamo bisogno di cambiare rapidamente, muovendoci tra cooperazione e competizione in modo funzionale ai nostri obiettivi. 

L'idea è che per la maggior parte del tempo, all'interno delle stesse relazioni, stiamo sia cooperando sia concorrendo e abbiamo bisogno di capire come gestire questa tensione, come vivere questo equilibrio. 

Se cooperare è una sfida, come facciamo a persuadere i nostri colleghi a collaborare con noi anche quando per loro potrebbe essere meglio fare da soli? Come facciamo a invogliarli ad aiutarci anche quando non è totalmente a loro vantaggio? Individualmente abbiamo incentivi per fare ciò che è nel nostro stesso interesse e allo stesso tempo, collettivamente, vorremmo che tutti facessero il meglio per l'azienda: questi sono definiti "dilemmi sociali". Come li risolviamo? Un buon Leader cerca costantemente di realizzare questo obiettivo: spingere le persone a collaborare anche quando potrebbero essere naturalmente attratte in direzioni opposte. Ecco alcune idee per facilitare la cooperazione.

In primo luogo, favoriamo la costruzione delle relazioni. Se abbiamo esperienze di squadra abbiamo una storia condivisa, questo ci unisce e crea la sensazione di essere tutti insieme.

Secondariamente, possiamo sostenere la costruzione del concetto di "identità condivisa": mi vedo come parte di questo gruppo? Mi vedo come parte di questa organizzazione? Più forte è il senso di identificazione, maggiore sarà la cooperazione. Infine, un contributo è quello che alcuni sociologi chiamano "shadow of the future": per quanto tempo è probabile che interagiremo in futuro? Se so che la mia relazione con le altre persone del Team è a lungo termine, allora aiutarle ora è molto più facile perché ritengo che probabilmente ci sarà un tempo in cui anche loro aiuteranno me.

Un paio di altre cose sono importanti per il sostegno reciproco. Prima di tutto, una comunicazione faccia a faccia chiara e trasparente in cui possiamo esprimere quello di cui abbiamo bisogno e il perché ne abbiamo bisogno: migliore sarà questo scambio, più efficace sarà la nostra collaborazione. Infine, un allineamento delle aspettative. Chiunque di noi, nella relazione con gli altri, ha della aspettative comportamentali (mi aspetto che tu faccia delle cose e tu te lo aspetti da me) e ha delle reazioni emotive dovute a quante conferme o delusioni riceve nel processo. 

Come racconto nel mio articolo "Allineare le Aspettative", diminuendo più possibile il margine di delusione, aumentiamo al massimo il margine di fiducia.

Con il talento si vincono le partite, ma è con il lavoro di squadra e l'intelligenza che si vincono i campionati. (Michael Jordan)


14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità
Davide Merletto

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant