Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant
by SCOA

Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring? Abbiamo scavato nel profondo del tema grazie al Dottor Matteo Perchiazzi, Direttore e fondatore SIM - Scuola Italiana di Mentoring, a cui abbiamo fatto qualche domanda mirata. 

Cos'è il Mentoring?

Il Mentoring è la forma più antica dei processi di socializzazione alla vita, al lavoro, alla scuola e in qualsiasi contesto sociale, che sia sportivo o organizzativo… è il tramandare le regole del gioco, di chi si vuole diventare, il linguaggio, i modelli di comportamenti di un determinato contesto organizzativo. Prima ancora che parlare di Mentoring nella modalità organizzata e formale come metodologia codificata, bisognerebbe parlarne come pratica che affonda nei processi naturali di socializzazione. Ci tengo a dirlo perché tanti autori e consulenti definiscono il Mentoring come qualcosa di origine anglosassone. A mio parere, ha origine nella società in generale. 

Che cosa apprende un Mentor da un programma di Mentoring? 

Per un Junior è chiaro il valore utile del Mentoring, tanto che molto spesso ci si dimentica dell'utilità per il Senior. Il Mentor apprende tanto quanto uno junior e ha la possibilità di lasciare traccia nella storia e di avere un posto per far germogliare la propria esperienza. Per lo junior, d'altro canto,  non c'è però solo utilità. Il Mentoring, infatti, affonda le sue radici nel modo più naturale dell'apprendimento: l'imparare guardando modelli. Impariamo, sin dall'infanzia, da modelli: a scuola si guarda sempre il compagno più integrato, al lavoro quello un po' più bravo e "skillato"… il Mentoring è questo. Prima ancora che una metodologia codificata, è un processo di apprendimento che affonda le sue origini sui processi naturali di socializzazione. 

Che differenza c'è tra Mentoring e Coaching?

Ci sono tante definizioni e approcci, ma il punto focale è: un Coach non è chiamato necessariamente ad offrire un modello positivo. Soprattutto negli ultimi approcci, è tipico che il Coach non sia direttivo, in quanto individuo che gestisce un processo d'aiuto d'apprendimento su condizioni specifiche e tempi più brevi.  
Il Mentor è, invece, uno che è chiamato a trasmettere la propria esperienza. Dal punto di vista, psicopedagogico l'effetto è sostanziale. Tante competenze nella gestione del processo sono in comune, ma cambia l'impatto iniziale: il fatto che il Mentor rappresenti un modello di aspirazione per il Mentee, che pensa "voglio aspirare a diventare come lui".
Usando un esempio concreto, io sono un Coach di tennis. Da questo punto di vista, potrei essere un Coach di un altro giocatore di tennis, ma non posso esserne il Mentor perché non sono e non sono stato un atleta professionista.  

Perché un'azienda dovrebbe investire in un programma di Mentoring?

Perché le risorse interne di un'azienda non le conosce nessuno meglio dell'azienda stessa. Il Mentoring è un modo per mettere a sistema le competenze, le eccellenze, le storie lavorative del top management e anche del middle management per metterle al servizio della crescita delle nuove leve sulle quali vogliono puntare. Noi mettiamo a sistema le eccellenze di un'organizzazione.

 Quali sono i miti da sfatare in tema di Mentoring?

Normalmente quando si pensa la parola Mentor, questa viene associata a un guru che risolve tutte le cose. Si pensa a Yoda, a Mago Merlino, a figure storiche e mitiche e viene naturale, in un programma di Mentoring, pensare "anche se sono top manager io non sono Mago merlino". Uno dei miti da sfatare è che ognuno di noi può apprendere il Mentoring, ma non tutti nonostante abbiamo storie positive da raccontare e siano eccellenze, possono diventare Mentor. Il Mentor è colui che riesce a trasmettere la propria storia come modello positivo, anche se non è un guru. 

Quali sono le competenze di un Mentor?

Ci sono molti approcci, molte classificazioni. Le competenze chiave di un mentore sono quelle che hanno a che fare con la capacità della trasmissione della propria esperienza: lo storytelling è una delle più affascinanti e più interessanti da apprendere, nell'accezione in cui si evitano cloni di esperienze altrui. La gestione dell'esempio positivo è una delle caratteristiche più belle dei percorsi di Mentoring, anche nella formazione. Viene naturale, per un Mentor, chiedersi: "Qual è la responsabilità che ho nei confronti di un mentee? Ci sono esercizi, in questo senso, che vanno nel profondo e che scavano su come devo gestire il mio esempio. Quali sono i miei valori, come possono essere messi al servizio dello sviluppo dell'altro?"
Importantissima è anche l'intelligenza emotiva, cioè la capacità di apprendimento attraverso le emozioni. Spesso, quando se ne parla, si intende l'aiuto a capire le emozioni dell'altro (che è tipico del Coaching). Nel Mentoring, invece, si parla di apprendimento attraverso le emozioni.
Infine, un'altra competenza tipica del Mentor, che è strettamente legata alle tre precedenti, è quella di gestire questa storia che io mentore mi preparo a raccontare, io la devo gestire proprio perché la gestione dell'esempio positivo porta talvolta ad allontanare il Mentee, soprattutto quando racconto una storia impossibile da raggiungere, posso provocare distanza e non vicinanza. La gestione di questo esempio deve avvicinare il Mentee, deve fornire soluzioni e ispirazioni.

Come si sceglie un mentore? E il mentee?

Il Mentor e il Mentee si scelgono tra loro per chimiche bellissime da vedere nei programmi di Mentoring organizzati. Un conto sono i processi di socializzazione naturali di cui si parlava prima. Un conto è un programma di Mentoring per raggiungere un obiettivo di sviluppo personale e organizzativo, dove si scelgono target group di Mentor e Mentee. Un Mentor per un programma Mentoring di Talent Management può essere un top manager o una persona con incarico che rappresenta ed è emblematica dei valori e di tutti quei comportamenti non scritti dell'azienda stessa, raccoglie tutti i valori dell'azienda stessa. Un altro conto è se faccio programma di Mentoring per la gestione di apprendisti o per creazione di back-up, non può esserci un top manager, perché troppo lontano, ma dev'essere un responsabile di funzione o altro, e quindi una persona che è vicina. Ci sono criteri oggettivi che dipendono da alcune cose anagrafiche: non troppa distanza anagrafica, proprio per il discorso di vicinanza e lontananza, a volte è bene che ci siano coppie di Mentor-Mentee dello stesso genere, di stessi ruoli organizzativi ecc., altre volte no.

Criteri oggettivi, quindi, su cui i due devono essere combinati. Ci sono anche caratteristiche naturali che un Mentor deve avere: la simpatia, il desiderio di aiutare gli altri (la generatività), e non è detto che un top manager abbia quest'ultima. Importante la naturale curiosità nello sviluppo degli altri. Pre-competenze prima ancora che competenze, queste, che ci aiutano a capire quali sono i Mentor potenziali e non ideali, perché in ogni programma di Mentoring una delle cose più importanti è la formazione dei Mentor sulle competenze su cui si parlava prima.



18.7.2019
La gestione dello stress
Francesco Solinas

16.7.2019
How can I help my manager to Coach me?
David Clutterbuck

11.7.2019
STILI DI COMUNICAZIONE DIVERSI: Un tesoro per il Team
Performant

9.7.2019
From one to one Coach to Team coach
David Clutterbuck

4.7.2019
Feedback, Feedforward e Coaching Conversation
Patrizia Fagnani

2.7.2019
Eight Coaching myths and misconceptions
David Clutterbuck

27.6.2019
Selezione HR e competenze comportamentali: Intervista a Monica Ferrario
Performant

20.6.2019
L'esercizio disfa il potere (nei team)
Roberto Degli Esposti

13.6.2019
Le tante facce della responsabilità
Georg Senoner

11.6.2019
What every HR director should know about coaching and mentoring strategy
David Clutterbuck

6.6.2019
Come decidiamo? Riflessioni sulla correlazione tra emozioni e pensieri
Georg Senoner

4.6.2019
The ROI of Mindfulness
Pamela Maguire

29.5.2019
KNOW YOUR OWN CULTURE TO WORK EFFECTIVELY WITH OTHERS: Interview by Anja Puntari with Tim Bright
Anja Puntari

23.5.2019
MANAGEMENT CONSTELLATION: Intervista a Georg Senoner
Performant

16.5.2019
LA SUPERVISIONE: Elemento di differenziazione
Alberto Camuri

9.5.2019
Leadership musicale e aziendale a confronto: Intervista a Andrea Porta
Performant

2.5.2019
COMPETENCY-BASED RECRUITMENT: Intervista a Pietro Ferrario
Performant

24.4.2019
Dalle caratteristiche vincenti della nostra specie al Mentoring
Carlo Boidi

18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità
Davide Merletto

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant