Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli
Comunicazione digital

Sulla home di instagram, mi è capitato tempo fa di incappare in un post che mostrava un paesaggio bucolico di montagna. La descrizione che accompagnava lo scatto, opportunamente virato in un filtro curato al millimetro, recitava: "Finalmente un po' di pace. Che bello trovarsi qui, lontani dai social."
Il post mi ha fatto sorridere e sembrava quasi parodico: la persona che l'ha pubblicato aveva sentito l'esigenza di dichiarare proprio su un social network il suo allontanamento dallo stesso. 

Questo piccolo aneddoto è solo uno dei segnali simbolici su come la digitalizzazione abbia preso il controllo delle nostre vite. Anzi, ormai suona "vecchio" dire che le nostre esistenze siano completamente dominate dal digitale.
Il mio pensiero, però, non ha nulla di tecnofobo. Credo, anzi, fermamente che la tecnologia abbia portato una rivoluzione positiva nelle nostre vite. Il mio stesso lavoro si realizza nel territorio web, dividendomi nella comunicazione in campo editoriale e business, attraverso i canali delle aziende per cui opero e tramite un'attività giornaliera di self branding attraverso il caricamento di contenuti video su YouTube atti alla promozione della lettura. 

Lavorare nel campo social, però, mi ha messo nella condizione di valutare come gestire con competenza la dimensione digitale. Infatti, in questo mondo, il self management diventa una delle competenze chiavi, inteso come consapevolezza e abilità nel gestire l'utilizzo dei propri device in modo equilibrato. In questo senso, saper sfruttare al meglio i mezzi a disposizione e essere consapevoli, anche, di quando distaccarsene è basilare.

Come ricorda Anja Puntari in una recente intervista: "Nell'epoca liquida, per usare la terminologia di Bauman, dove le certezze sono venute a meno, l'abilità di costruire un buon equilibrio personale è la base per tutto il nostro fare. --- Paradossalmente "libertà" e flessibilità ci rendono vulnerabili se non ne siamo consapevoli e non le sappiamo gestire costruttivamente. In questo frame la competenza del self-management diventa anche l'abilità di dire "no", di rispettare i propri bioritmi e la dimensione della vita privata, l'abilità di organizzarsi e di stare in un programma predefinito. Comportamenti che richiedono auto-controllo proprio perche riprogrammare o rispondere sempre e ovunque dipende sopratutto da noi stessi."

Sempre connessi, sempre reperibili

Il web a portata di mano, grazie a smartphone e iPad, ci ha dato l'illusione di possedere una capacità multitasking, totalmente innaturale per il cervello umano, che tende a concentrarsi con maggiore intensità solo su un'attività alla volta. Ci illudiamo di avere sotto controllo più cose assieme semplicemente per il fatto che tendiamo a "switchare" da un'azione all'altra con velocità e prontezza sempre più brevi. Rispondere alle mail durante una riunione ci allontana, per esempio, dalla discussione nel breve momento in cui stiamo digitando: il nostro corpo e lì, la mente è altrove.
Il cellulare è diventato lo specchio delle nostre vite: su esso scorrono la nostra vita privata e la nostra vita professionale, in un continuo flusso di stimoli. Averlo a portata di mano giustifica che siamo rintracciabili sempre e comunque. In alcune aziende, significa concedere al datore di lavoro di chiamare i dipendenti nel weekend o in orari fuori officio. Qual è la policy aziendale? I dipendenti devono essere sempre reperibili o ci sono delle fasce orarie da non invadere?
Molte aziende si sono mostrate particolarmente sensibili a questa tematica, come ad esempio Biogen che recentemente ha dichiarato, su "L'economia de Il Corriere della Sera", di aver instaurato un divieto assoluto di inviare mail tra le 19.30 e le 7.30. 

Mondi diversi, emozioni diverse 

Dicevamo che il cellulare è il portale in cui vita professionale e vita privata si mescolano messaggio dopo l'altro. Inondati di notifiche, viviamo nella continua alternanza tra mail professionali e messaggi del partner, con il risultato di vivere uno stato emotivo sempre alterato e ballerino. Non vi è, dunque un coinvolgimento al 100% su un'unica sfera della nostra vita, con il rischio di compromettere l'attenzione e la concentrazione da ambo le parti. Simon Sinek, nel talk "How Do Cell Phones Impact Our Relationships" dimostra come anche il nostro body language nell'interazione con il telefono sia impattante nei contesti relazionali (meeting professionali, appuntamenti romantici, incontri con gli amici). Già il cellulare sul tavolo o il nostro modo di camminare con smartphone alla mano svela involontariamente il nostro disinteresse al mondo reale. 



Non rispondere attivamente a una notifica può condurre a una sottile angoscia e senso di soffocamento, che è tipico di altri fenomeni di internet, come il FOMO, l'ansia sociale caratterizzata dal desiderio di rimanere sempre al passo con le novità. 

La stessa gestione delle relazioni nel digitale è sempre più complicata e tende a confondersi con il reale, generando un'angoscia sempre crescente al dover rispondere sempre a tutti gli stimoli comunicativi. Questo comporta delle interruzioni continue rispetto all'azione che si sta svolgendo, con la conseguenza di riduzione della performance lavorativa e aumento dello stress.
Di quanta comunicazione digitale abbiamo realmente bisogno per essere produttivi? Ci sono task che potrebbero essere svolte con più velocità nel mondo "analogico": perché inviare una mail al collega della stanza a fianco, se puoi chiederglielo direttamente? 

Interessante è anche notare come, da uno studio del World Economic Forum dedicato agli effetti positivi e negativi dei media digitali sulle nostre vite, sia emerso che il lavoro risenta positivamente dell'influenza della comunicazione web, quanto la vita privata sia peggiorata. Questo nonostante il proliferare di dating sites, social media e nonostante la popolarità di un'app come Tinder. Ma negli aspetti negativi c'è anche la durata della concentrazione, spesso essenziale in ufficio e che viene seriamente compromessa dall'uso indiscriminato dei media. 

Internet-Addiction e concentrazione 

Secondo un articolo del The Guardian, controlliamo il nostro telefono ogni dodici minuti, spesso vivendo l'ansia del rispondere a ogni notifica che ci appare sullo schermo. In una ricerca del dottor Glenn Wilson dell'Istituto Psichiatrico di Londra, è emerso che coloro che sono distratti da email, chiamate e notifiche presentavano un crollo di 10 punti nel QI, il doppio di, per esempio, dipendenti da marijuana. Più della metà dei 1.100 partecipanti hanno affermato di rispondere subito (o il prima possibile) alle mail, mentre ben il 21% ha ammesso di farlo anche durante riunioni di lavoro. Interruzioni costanti di questo tipo hanno lo stesso effetto di una notte senza sonno.  Gli stessi Facebook e Instagram si sono sensibilizzati sull'impatto negativo dei social media sulla salute mentale e hanno annunciato di aver iniziato a lavorare a nuovi tool per limitare l'uso ai propri utenti.
La così detta "Internet-addiction" o dipendenza da internet non è ancora riconosciuta da tutti come disturbo effettivo e spesso viene associata, erroneamente, ai soli giovani e adolescenti. O almeno da noi. 

In Cina è un problema concreto da anni, concretizzato da sempre più istituti specializzati alla disintossicazione; realtà in verità durissime che sono state ben raccontate nel film documentario "Web Junkie". 



Come creare una relazione equilibrata con il digitale nel contesto lavorativo?

Azioni da parte dell'organizzazione: 

  • Creare una policy aziendale: no email, meeting e telefonate in orari out-of-office
  • Creare consapevolezza culturale sul problema: condividere pensieri e idee di come gli smartphone possono ridurre la produttività, l'efficacia e l'efficienza può essere molto utile. 
  • Mettere a disposizione degli utenti un'app di gestione del tempo: avere sotto controllo la qualità del tempo lavorativo dedicato ai digital Device è importante per poter sfruttare al meglio i mezzi a disposizione.

Azioni da parte dell'individuo:

  • Gestire (e quando serve disattivare) le notifiche. Spegnere le notifiche dei social media quando si è in ufficio (e togliere le notifiche alle mail quando si è fuori dall'ufficio) è importante per avere un ottimo work-life balance e per prevenire un abbassamento della concentrazione. 
  • Spegnere il telefono: Siamo abituati ad avere lo smartphone sempre acceso, ma stabilire degli orari della giornata in cui distaccarsene è utile e può incidere profondamente sulla nostra performance. 
  • Mindfulness: Praticare mindfulness o meditazione può facilitare la concentrazione, a ritrovare un proprio equilibrio e a migliorare il nostro focus. 
  • Comportamenti adeguati nella gestione dei device nei contesti relazionali e lavorativi: evitare di controllare il telefono in momenti di riunione o di confronto personale. 
  • Guardare l'ora sull'orologio: Ormai un orologio da polso è solo un accessorio alla moda che ha perso la sua funzione originale. Siamo sempre più portati a controllare le ore sul cellulare, col rischio che si controlli la casella di posta e poi instagram e poi Facebook. Ribaltare la tendenza può essere difficile all'inizio, ma una volta che diventa abitudine sarà sempre più automatico. 

Quindi poiché è alla luce del sole che le nostre vite siano dominate dal digitale e che la tecnologia ci conceda di raggiungere risultati migliori, questa dimensione dev'essere comunque gestita con consapevolezza. La chiave è conoscere gli strumenti che utilizziamo, ricavarne il massimo delle loro potenzialità, comprendere l'effetto che hanno su di noi e l'impatto che hanno sulle nostre relazioni. Ciò che fa la differenza, anche in questo contesto, sono sempre i comportamenti.


18.7.2019
La gestione dello stress
Francesco Solinas

16.7.2019
How can I help my manager to Coach me?
David Clutterbuck

11.7.2019
STILI DI COMUNICAZIONE DIVERSI: Un tesoro per il Team
Performant

9.7.2019
From one to one Coach to Team coach
David Clutterbuck

4.7.2019
Feedback, Feedforward e Coaching Conversation
Patrizia Fagnani

2.7.2019
Eight Coaching myths and misconceptions
David Clutterbuck

27.6.2019
Selezione HR e competenze comportamentali: Intervista a Monica Ferrario
Performant

20.6.2019
L'esercizio disfa il potere (nei team)
Roberto Degli Esposti

13.6.2019
Le tante facce della responsabilità
Georg Senoner

11.6.2019
What every HR director should know about coaching and mentoring strategy
David Clutterbuck

6.6.2019
Come decidiamo? Riflessioni sulla correlazione tra emozioni e pensieri
Georg Senoner

4.6.2019
The ROI of Mindfulness
Pamela Maguire

29.5.2019
KNOW YOUR OWN CULTURE TO WORK EFFECTIVELY WITH OTHERS: Interview by Anja Puntari with Tim Bright
Anja Puntari

23.5.2019
MANAGEMENT CONSTELLATION: Intervista a Georg Senoner
Performant

16.5.2019
LA SUPERVISIONE: Elemento di differenziazione
Alberto Camuri

9.5.2019
Leadership musicale e aziendale a confronto: Intervista a Andrea Porta
Performant

2.5.2019
COMPETENCY-BASED RECRUITMENT: Intervista a Pietro Ferrario
Performant

24.4.2019
Dalle caratteristiche vincenti della nostra specie al Mentoring
Carlo Boidi

18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità
Davide Merletto

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant