Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



24.4.2019
Dalle caratteristiche vincenti della nostra specie al Mentoring
Carlo Boidi
Senior Business Coach, Partner e docente SCOA

Circa 130.000 anni fa, in una ristretta zona dell'Africa, inizia a caratterizzarsi la nostra specie: Homo Sapiens.
Al suo apparire sulla scena evolutiva, sul pianeta vivono almeno una decina di specie diverse del genere Homo: Homo Erectus, Homo Ergaster, Homo Abilis, Homo di Neanderthal, ecc.

Di tutte queste specie Homo, che poi si sono estinte, solo l'Homo Sapiens riuscirà a sopravvivere e, a partire da circa 50/70.000 anni fa, partendo dall'Africa inizierà a migrare in tutto il pianeta prendendone il controllo totale. Costruirà piramidi, monumenti, opere d'arte, città, strade, ponti, grattacieli, reti di telecomunicazioni globali, volerà da una parte all'altra del pianeta in poche ore, andrà sulla Luna, nello Spazio e prenderà il controllo su tutte le specie viventi.

Una velocità evolutiva mai vista prima sul pianeta.

Tutto questo sviluppo è avvenuto ad una velocità incredibile: dal punto di vista evolutivo la nostra specie è  infatti appena nata.
50.000 anni ci possono sembrare tanti ma, messi sulla scala temporale totale della vita sulla Terra, rappresentano un puntino invisibile.

Se rappresentassimo la vita sulla Terra con delle monetine da un centesimo impilate l'una sull'altra, dovremmo fare una pila alta quasi 60 metri e  l'Homo Sapiens sarebbe rappresentato soltanto dall'ultima monetina in cima.

Eppure per milioni di anni i primati e tutte le altre specie sono vissuti sulla terra senza particolari impatti sul pianeta.  In questo momento invece la nostra specie ha preso in mano le sorti del pianeta: potrebbe renderlo un luogo inabitabile fino ad estinguere quasi tutte le specie viventi oppure potrebbe trasformarlo in un luogo sempre più vivibile, privo di disuguaglianze e in continuo progresso sostenibile.  


Quali sono le caratteristiche della nostra specie che le hanno permesso un successo imparagonabile a qualsiasi altra forma vivente?

All'inizio Homo Sapiens aveva una capacità cognitiva e di linguaggio leggermente superiore alle altre specie Homo. I nostri cervelli erano predisposti socialmente grazie ai nostri lobi prefrontali attraverso i quali possiamo sviluppare anche i pensieri e la saggezza ("sapiens" significa proprio "saggio"). L'uso del linguaggio spinse lo sviluppo del cervello in due direzioni: da una parte lo sviluppo della socialità, dall'altra la capacità di astrazione e riflessione. 

Nella nostra specie la socialità è così sviluppata che ci rende in grado di coordinarci anche tra milioni di individui e ci permette di ottenere risultati spettacolari. E' emblematica la tappa nella storia dell'astrofisica raggiunta in questi giorni: si è riusciti a fotografare per la prima volta un buco nero alla distanza di 54 milioni di anni luce grazie a un network di telescopi distribuiti su tutto il pianeta. Il progetto ha coinvolto 30 istituti di ricerca e 18 nazioni. 

Grazie alla saggezza abbiamo invece la capacità di riflettere sulle esperienze per astrarne apprendimenti che possono essere messi a beneficio di sé stessi e di altri.
La saggezza combinata con la socialità rende possibile una rapida evoluzione grazie alla possibilità di imparare velocemente da modelli di riferimento, aiutati dalla riflessione svolta insieme. Così, di generazione in generazione, l'Homo Sapiens ha continuato a fare esperienze, riflettere su di esse, creare saggezza e tramandarla ad altri individui desiderosi di riceverla. Questo gli ha permesso un'evoluzione velocissima accompagnata anche da un forte processo di encefalizzazione, cioè di progressivo aumento di volume e di complessità del cervello.


Condividere la saggezza: il Mentoring

Nelle ultime migliaia di anni abbiamo codificato la competenza del tramandare la saggezza, chiamandola Mentoring. Si tratta della capacità che hanno alcune persone sagge di riflettere sull'esperienza, creare saggezza per sé e riuscire a trasmetterla mediante la riflessione con altri individui. 

Un esempio di codifica di questa competenza lo troviamo nell'Odissea: la dea della saggezza Athena, prende le sembianza di Mentore, il cortigiano a cui Ulisse aveva affidato il figlio Telemaco, e lo aiuta a sviluppare la propria saggezza. Athena, più che insegnare, aiuta gli individui a riflettere sui propri errori e a percorrere le strade che ciascuno sceglie. Nel mettere a disposizione la propria saggezza Athena ha un atteggiamento non direttivo. 

La figura del saggio che utilizza la propria saggezza per aiutare gli altri a sviluppare la propria c'è in tutte le culture, è tipica della nostra specie. Così come l'imparare da modelli a cui ispirarsi, il "voler fare come…", il "voler essere come…", fa parte dello sviluppo sia in età evolutiva che in età adulta. 

Alcune tribù che sono rimaste isolate dal resto del mondo hanno lo stesso tipo di caratteristica: da una parte alcuni saggi mettono a disposizione la loro esperienza e le loro riflessioni su di essa, dall'altra alcuni giovani instaurano con loro una relazione (che noi chiameremmo mentoring) che permette loro di crescere e maturare. 


Una relazione ad alto potenziale di sviluppo   

Negli ultimi 30 anni queste relazioni che si instaurano fra un saggio (Mentor) e una persona desiderosa di avere dei modelli di riferimento da cui imparare (Mentee), sono state studiate e definite sempre di più in modo da isolare quei comportamenti che permettono ai Mentor di essere efficaci.
Il Mentor deve possedere molte competenze relazionali, a volte simili a quelle che caratterizzano la leadership.

Nelle organizzazioni, a seconda di obiettivi specifici  o di contenuti che si vuole trasferire, viene selezionata la popolazione aziendale che possiede caratteristiche comportamentali che si vogliono portare a modello. Con una buona formazione siamo in grado di dotare questi individui delle competenze necessarie per instaurare un'efficace relazione di Mentoring con individui più junior (Mentee). Si creano così le condizione per una relazione ad alto potenziale di sviluppo a beneficio sia del Mentor che del Mentee.

I programmi di Mentoring, in cui si mettono in relazione numerose coppie all'interno delle organizzazioni, sono cresciuti in efficacia e oggi sono sempre più un potente strumento di sviluppo per le aziende. Abbiamo a disposizione molte ricerche, know how e best practice che permettono di massimizzare il potenziale di questo strumento. 

Non è sufficiente infatti mettere semplicemente in contatto alcune figure aziendali per fare un programma di Mentoring. Questa è però una convinzione molto diffusa che porta ad implementare programmi improvvisati, inefficaci e costosi dal punto di vista del tempo perso dalle persone coinvolte. 

La relazione fra Mentor e Mentee è molto critica, non può essere una specie di "matrimonio combinato". Occorre creare le condizioni perché la relazioni si inneschi come relazione di apprendimento e contaminazione reciproca mettendo in atto tutta una serie di strumenti e best practice per catalizzare, mantenere e rendere proficua la relazione. E' intorno ad una solida relazione, avendo ben presente il purpose, gli obiettivi e i contenuti del mentoring, che si organizza un programma di successo.

Immaginate quali impatti possono avere le organizzazioni, sia dal punto di vista delle performance sia dal punto di vista del clima interno, se riuscissero a fare maggior leva sulle caratteristiche vincenti della nostra specie: la socialità, la capacità di riflessione e l'imparare tramite modelli.
La storia della nostra specie ce lo conferma.




31.10.2019
Leadership e potere
Roberto Degli Esposti

24.10.2019
Essere Business Coach: Sei domanda a Luca Federico Ricci
Performant

23.10.2019
Boss and Leader: Twin roles
Gian Franco Goeta

17.10.2019
La riunione di lavoro? Dovrebbe essere l'eccezione
Francesco Solinas

9.10.2019
Dove sta andando il Business Coaching: Il keynote speech di Roberto Degli Esposti
Performant

3.10.2019
Da Impiegato ad Amministratore Delegato in 7 passi. Dove sei ora e dove vuoi arrivare?
Carlo Boidi

1.10.2019
Is your organisation ready for internally sourced team coaching?
David Clutterbuck

26.9.2019
Perchè Siamo Diventati Immuni Alla Pubblicità?
Performant

24.9.2019
Yet another reason to focus more on the team and less on individuals
David Clutterbuck

18.9.2019
Non c'è dubbio: il nostro cervello pensa in modo spaziale
Georg Senoner

17.9.2019
Why do Coaches need supervision?
David Clutterbuck

12.9.2019
I superpoteri del Sales Leader
Davide Merletto

10.9.2019
Why leading change just keeps getting more complicated
David Clutterbuck

5.9.2019
Capo e leader: due ruoli gemellari
Gian Franco Goeta

3.9.2019
How to build a Coaching culture in work teams
David Clutterbuck

29.8.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Angela Bassi
Performant

27.8.2019
Lost in Translation
Rosalba Dambrosio

8.8.2019
Conosci te stesso e non presumere di essere di più
Carlo Boidi

6.8.2019
Linking Mentoring and Coaching to business processes
David Clutterbuck

1.8.2019
Cosa c'entrano le costellazioni?
Georg Senoner

25.7.2019
Vedere: una forma d'ascolto
Anja Puntari

18.7.2019
La gestione dello stress
Francesco Solinas

16.7.2019
How can I help my manager to Coach me?
David Clutterbuck

11.7.2019
STILI DI COMUNICAZIONE DIVERSI: Un tesoro per il Team
Performant

9.7.2019
From one to one Coach to Team coach
David Clutterbuck

4.7.2019
Feedback, Feedforward e Coaching Conversation
Patrizia Fagnani

2.7.2019
Eight Coaching myths and misconceptions
David Clutterbuck

27.6.2019
Selezione HR e competenze comportamentali: Intervista a Monica Ferrario
Performant

20.6.2019
L'esercizio disfa il potere (nei team)
Roberto Degli Esposti

13.6.2019
Le tante facce della responsabilità
Georg Senoner

11.6.2019
What every HR director should know about coaching and mentoring strategy
David Clutterbuck

6.6.2019
Come decidiamo? Riflessioni sulla correlazione tra emozioni e pensieri
Georg Senoner

4.6.2019
The ROI of Mindfulness
Pamela Maguire

29.5.2019
KNOW YOUR OWN CULTURE TO WORK EFFECTIVELY WITH OTHERS: Interview by Anja Puntari with Tim Bright
Anja Puntari

23.5.2019
MANAGEMENT CONSTELLATION: Intervista a Georg Senoner
Performant

16.5.2019
LA SUPERVISIONE: Elemento di differenziazione
Alberto Camuri

9.5.2019
Leadership musicale e aziendale a confronto: Intervista a Andrea Porta
Performant

2.5.2019
COMPETENCY-BASED RECRUITMENT: Intervista a Pietro Ferrario
Performant

24.4.2019
Dalle caratteristiche vincenti della nostra specie al Mentoring
Carlo Boidi

18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità
Davide Merletto

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant