Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



8.8.2019
Conosci te stesso e non presumere di essere di più
Carlo Boidi
Senior Business Coach, Partner e docente SCOA


A un'importante conferenza una persona del pubblico si alza e chiede al famoso cosmologo Stephen Hawking: "Lei ha detto di non credere in Dio. Ha una filosofia di vita che l'aiuta?".
In quel momento Stephen Hawking vede una ragazza seduta nelle prime file. Le cade una biro e lo scienziato immagina di alzarsi dalla sua sedia a rotelle, raccoglierla e restituirla alla ragazza.
Ma tutto questo non è possibile. Il limite della malattia è insormontabile.
Stephen Hawking inizia quindi ad enunciare la sua filosofia: "E' chiaro che noi siamo solo una razza evoluta di primati su un pianeta minore che orbita intorno a una stella di medie dimensioni nell'estrema periferia di una fra 300 miliardi di galassie. Ma, fin dall'alba della civiltà, l'uomo si è sempre sforzato di arrivare alla comprensione dell'ordine che regola il mondo.  Dovrebbe esserci qualcosa di molto speciale nelle condizioni al confine dell'universo. E cosa può esserci di più speciale che l'assenza di confini? E non dovrebbero esserci confini neanche agli sforzi umani. Noi siamo tutti diversi e, per quanto brutta possa sembrarci la nostra vita, c'è sempre qualcosa che uno può fare con successo. Perché… finché c'è vita c'è speranza."
Il pubblico si alza in piedi per dedicargli un lungo e caloroso applauso.


La maieutica, l'autorealizzazione e i limiti

Questo discorso è stato ricostruito nel film "La teoria del tutto" a partire da diverse frasi pronunciate dallo scienziato in diverse occasioni.
Stephen Hawking ci ha dimostrato come sia possibile spostare infinitamente i propri limiti, spinti dalla curiosità e dalla forza che nasce dal senso che vogliamo dare alla nostra vita.
Ma qual è il nostro potenziale? Quali sono i nostri limiti? Come facciamo a sapere che siamo arrivati alla nostra massima performance?

Tutto questo ha molto a che fare con la Maieutica che a sua volta ha influenzato parte del Coaching contemporaneo.
Nella filosofia greca c'erano due principi fondamentali che Platone sintetizza come "1 - Conosci te stesso" e "2 – non presumere di essere di più".
"Conosci te stesso" significa riconoscere la nostra natura, il nostro "demone": il demone o "daimon" era per i Greci l'energia della vita, la forza vitale racchiusa in un seme che vuole espandersi e realizzare il suo scopo: crescere ed esprimere le potenzialità che racchiude in sé.
Questo permette di raggiungere la "eudaimonia", cioè la felicità data dall'autorealizzazione. Aristotele sosteneva infatti che lo scopo della vita è la felicità, intesa come massima realizzazione di noi stessi.


Ma non bisogna esagerare…

Però non bisogna esagerare, non bisogna superare il limite delle nostre abilità. Per gli antichi Greci se tenti di oltrepassare il tuo limite produci la tua rovina.
Presumere di essere al di la di quel che si è, viene punito dagli dei. Nel proprio percorso di autorealizzazione occorre coltivare il senso della misura, il senso del limite e del rispetto per il limite. 

Un conto è allenarsi per aumentare le nostre capacità e spostare i nostri limiti, un conto è oltrepassare senza misura i nostri limiti.

Il concetto di autorealizzazione porta allora in sé i concetti di autoconsapevolezza e di sostenibilità.

La civiltà moderna ha in parte dimenticato questi concetti: lo sviluppo tecnologico ci fornisce ad esempio una capacità di fare che ha superato di gran lunga anche la nostra capacità di immaginare gli impatti di ciò che facciamo.
Ogni anno superiamo ad esempio il limite delle risorse rinnovabili che il Pianeta è in grado di rigenerare nell'anno.
Il giorno in cui superiamo questo limite (l'overshoot day) viene anticipato ogni anno: nel 1980 è stato il 4 novembre, nel 2000 il 23 settembre, quest'anno è stato il 29 luglio. A partire dal 30 luglio accumuliamo globalmente altri debiti col Pianeta. Purtroppo in Italia le cose vanno peggio: l'overshott day è stato il 15 maggio.
Ognuno di noi mette in atto comportamenti e abitudini che contribuiscono inconsapevolmente a superare il limite di quel che si potrebbe fare. Acquistare un banale paio di jeans comporta lo spreco di 3800 litri d'acqua e la produzione di 33 Kg di anidride carbonica. Ogni anno vengono prodotti 3 miliardi e mezzo di jeans…


Oltrepassare ogni limite senza misura

Facciamo un altro esempio. Ci sono diversi corsi comunemente denominati "di sviluppo personale", spesso confusi con il coaching, che dovrebbero aiutare le persone ad autorealizzarsi, a trovare il loro "demone", ma che in realtà li spinge solo ad oltrepassare senza misura i propri limiti in nome della libertà finanziaria, dell'andare fuori dalla zona di comfort, del "se vuoi puoi" o del "if you can't then you must". Ci sono persone che a seguito di questi corsi prendono decisioni azzardate, magari si licenziano senza essersi preparati delle concrete alternative ma "sicuri" che ce la faranno.

Un conto è allenarsi per aumentare le nostre capacità e spostare i nostri limiti, un conto è oltrepassare i nostri limiti.

Mi vengono poi in mente alcuni sedicenti coach (purtroppo famosi) che scrivono libri su come guarire dall'Alzheimer, dai tumori o dal diabete. Non hanno capito cos'è il coaching ma non hanno neanche capito chi sono loro stessi.   


Presumere di essere di più di quel che si è.

Un altro esempio del "presumere di essere di più di quel che si è" è il fenomeno incredibile dei tanti politici che in diverse nazioni occupano posizioni di rilievo che sono totalmente al di fuori delle loro capacità intellettive, delle loro competenze e delle loro conoscenze.

Penso che ci sia un processo perverso per cui le persone che avrebbero le capacità e le competenze per stare alla guida di una nazione hanno anche la consapevolezza che i problemi da risolvere sono così complessi da non considerarli alla loro portata. Quindi, nella vita, vanno a fare altro e diventando magari famosi scienziati, importanti imprenditori, eccezionali manager, esperti professionisti, ecc.
Chi vive nell'ignoranza e nell'inconsapevolezza non ha invece la capacità di capire che i problemi di una nazione non sono alla sua portata e quindi intraprende una "carriera" politica fatta di arroganza, di fake news, di generazione di paura e di odio collegati a problemi inesistenti di cui poi vantarsi della soluzione. Non ha capacità e non lo sa, ha solo un'enorme sensazione di sicurezza di essere in grado di farcela. Una sensazione così grande da riuscire a convincere le masse e farsi votare.   Ma i problemi reali non li sa risolvere e forse neanche li vede.

"1 – Conosci te stesso" e "2 – non presumere di essere di più"… gli antichi Greci erano dei saggi.


Finché c'è vita c'è speranza

La speranza è che la cultura della maieutica, oggi riscoperta tramite il coaching, riesca a raggiungere capillarmente ogni ambiente, dalle scuole alle aziende alla vita di tutti i giorni. La speranza è che la capacità di riflessione e il pensiero critico possano diffondersi sempre di più, che le persone riescano a crescere culturalmente e raggiungere la propria massima autorealizzazione senza "presumere di essere di più di quel che sono".

Come diceva Stephen Hawking, e ancor prima Cicerone, finché c'è vita c'è speranza!          


9.10.2019
Dove sta andando il Business Coaching: Il keynote speech di Roberto Degli Esposti
Performant

3.10.2019
Da Impiegato ad Amministratore Delegato in 7 passi. Dove sei ora e dove vuoi arrivare?
Carlo Boidi

1.10.2019
Is your organisation ready for internally sourced team coaching?
David Clutterbuck

26.9.2019
Perchè Siamo Diventati Immuni Alla Pubblicità?
Performant

24.9.2019
Yet another reason to focus more on the team and less on individuals
David Clutterbuck

18.9.2019
Non c'è dubbio: il nostro cervello pensa in modo spaziale
Georg Senoner

17.9.2019
Why do Coaches need supervision?
David Clutterbuck

12.9.2019
I superpoteri del Sales Leader
Davide Merletto

10.9.2019
Why leading change just keeps getting more complicated
David Clutterbuck

5.9.2019
Capo e leader: due ruoli gemellari
Gian Franco Goeta

3.9.2019
How to build a Coaching culture in work teams
David Clutterbuck

29.8.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Angela Bassi
Performant

27.8.2019
Lost in Translation
Rosalba Dambrosio

8.8.2019
Conosci te stesso e non presumere di essere di più
Carlo Boidi

6.8.2019
Linking Mentoring and Coaching to business processes
David Clutterbuck

1.8.2019
Cosa c'entrano le costellazioni?
Georg Senoner

25.7.2019
Vedere: una forma d'ascolto
Anja Puntari

18.7.2019
La gestione dello stress
Francesco Solinas

16.7.2019
How can I help my manager to Coach me?
David Clutterbuck

11.7.2019
STILI DI COMUNICAZIONE DIVERSI: Un tesoro per il Team
Performant

9.7.2019
From one to one Coach to Team coach
David Clutterbuck

4.7.2019
Feedback, Feedforward e Coaching Conversation
Patrizia Fagnani

2.7.2019
Eight Coaching myths and misconceptions
David Clutterbuck

27.6.2019
Selezione HR e competenze comportamentali: Intervista a Monica Ferrario
Performant

20.6.2019
L'esercizio disfa il potere (nei team)
Roberto Degli Esposti

13.6.2019
Le tante facce della responsabilità
Georg Senoner

11.6.2019
What every HR director should know about coaching and mentoring strategy
David Clutterbuck

6.6.2019
Come decidiamo? Riflessioni sulla correlazione tra emozioni e pensieri
Georg Senoner

4.6.2019
The ROI of Mindfulness
Pamela Maguire

29.5.2019
KNOW YOUR OWN CULTURE TO WORK EFFECTIVELY WITH OTHERS: Interview by Anja Puntari with Tim Bright
Anja Puntari

23.5.2019
MANAGEMENT CONSTELLATION: Intervista a Georg Senoner
Performant

16.5.2019
LA SUPERVISIONE: Elemento di differenziazione
Alberto Camuri

9.5.2019
Leadership musicale e aziendale a confronto: Intervista a Andrea Porta
Performant

2.5.2019
COMPETENCY-BASED RECRUITMENT: Intervista a Pietro Ferrario
Performant

24.4.2019
Dalle caratteristiche vincenti della nostra specie al Mentoring
Carlo Boidi

18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità
Davide Merletto

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant