Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



5.3.2020
"Houston, we have a problem!"

Quanto tempo investiamo per capire l'impatto della nostra comunicazione sull'interlocutore? Quanta consapevolezza abbiamo degli strumenti di comunicazione a nostra disposizione? I veri fattori abilitanti dello smart working o del lavoro a distanza richiedono lo sviluppo e l'allenamento di nuove dimensioni di comportamento: avere una buona comunicazione, saper "leggere" la prossemica dell'altro anche nel digitale, gestire la solitudine derivata dall'assenza del contesto lavorativo comunitario e sapersi organizzare in modo autonomo. Ne parla Rosalba Dambrosio.

Smart working o Lavoro Agile

Nel 1970 la tecnologia e l'organizzazione possedute dalla NASA, attivate durante le missioni spaziali, hanno rappresentato l'avanguardia di quel momento storico. Eppure, riferendoci alla sfida dell'Apollo 13, il più famoso ‘fallimento di successo' della NASA, sono stati ben altri gli elementi vincenti della missione stessa: abilità di problem solving, coraggio e cooperazione, tutte caratteristiche che serve attivare in questo momento in cui il lavoro a distanza diventa particolarmente richiesto a causa delle necessità del momento.

Siamo spesso convinti che lo smart working, inteso come lavoro da remoto, più o meno efficace, sia la risultante di una tecnologia efficiente dimenticandoci che (forse) i veri fattori abilitanti sono altri.

Nato come un benefit, uno strumento di welfare aziendale e di flessibilità, solo successivamente è stato riconosciuto dalle aziende come volano per un vero cambiamento culturale

Ma in questi giorni, come mai prima d'ora, le organizzazioni sono alla ricerca spasmodica del vademecum perfetto a riguardo, del manifesto assoluto dei DO e dei DON'T da applicare a questa modalità di lavorare, di comunicare, di agire all'interno dei nostri ambienti lavorativi.

Ma una cosa è certa, a tecnologia data: lavorare in maniera smart richiede lo sviluppo e l'allenamento di nuove dimensioni di comportamento. Richiede la necessità di entrare in confidenza con aspetti dei nostri comportamenti che ancora, per la maggior parte, sono sopiti o semplicemente poco allenati.


In principio era la comunicazione…

Come ci insegnano P. Watzlawick e la scuola di Palo Alto, non si può non comunicare

La comunicazione è insita nella vita di ciascuno, tutti i comportamenti sono una forma di comunicazione, sia a livello implicito che esplicito. E questo, nel Lavoro Agile, si vede molto di più! 

Tuttavia, come nelle migliori tradizioni, la questione può essere affrontata sotto due punti di vista completamente diversi:

Approccio numero 1: il linguaggio del corpo influenza ben il 55% della comunicazione, il tono della voce il 38% e il linguaggio verbale solo il 7%. Quindi, in digitale, in presenza di contatto fisico ridotto al minimo (il concetto di prossemica è di fatto diminuito) e focalizzandoci soprattutto sul linguaggio verbale (7%), la maggior parte della comunicazione (93%) viene a mancare. Il non verbale e il paraverbale vengono meno. Ergo, lo smart working non funziona.

Oppure sarebbe utile adottare l'approccio numero 2: lavorare in digitale richiede una comunicazione chiara e semplice. Un modo di comunicare lineare, che va diretto al punto.

Nel lavoro da remoto sapersi spiegare, velocemente e agilmente, diventa fondamentale in ogni situazione e con qualsiasi interlocutore, sia a livello verbale ma anche a livello non verbale. Il tono di voce delle call, l'espressività e i gesti trasmessi via webcam, la postura durante le video-call; sono tutti quei comportamenti che sappiamo essere importanti ma che nelle relazioni quotidiane sottovalutiamo perché facilitati dalla presenza fisica degli interlocutori.

Per non parlare di tutti quegli elementi di cui non sempre siamo del tutto consapevoli, come i silenzi, la fluenza verbale, l'intonazione.

Quanto tempo investiamo per capire l'impatto della nostra comunicazione - ciò che arriva agli altri e come arriva - sull'interlocutore?

A questo proposito, quante volte scriviamo e cancelliamo le nostre mail, o i messaggi delle nostre chat immaginandoci la reazione di chi ci legge? Quanta consapevolezza abbiamo nell'utilizzo degli strumenti di comunicazione a nostra disposizione?

Inoltre, non avere accanto il proprio interlocutore impone la necessità di esprimere al meglio il proprio stato d'animo e le proprie emozioni "a distanza". E di nuovo, se manteniamo la comunicazione il più semplice e lineare possibile, forse sarà possibile comunicare un'emozione in maniera più efficace anche attraverso una webcam (in fondo, il cinema in questo ci propone grandi spunti).


Attenti al burnout

Una volta si parlava di "solitudine del capo", oggi ci si preoccupa della solitudine dello smart worker. Si riducono le interazioni faccia a faccia con i membri della propria organizzazione e questo può portare ad una sorta di isolamento, ad una perdita del senso di identità e del senso di appartenenza ad una community. 

Il rischio di burnout, in queste occasioni, è dietro l'angolo. L'eccesso di lavoro dovuto all'incapacità di staccarsi dal PC e dalle e-mail, la mancanza dei nostri colleghi che si alzano dalle scrivanie o qualche altro tipo di cambiamento dell'ambiente che ci circonda, possono essere considerati un rischio per il nostro equilibrio. 

Si tratta di imparare a gestire una modalità diversa di lavorare, volta a riscoprire la nostra capacità di auto organizzarci. Di porsi degli obiettivi specifici all'interno della propria giornata. Di gestire la propria agenda in maniera più efficace, forse anche più ‘concludente'. Di ritagliarsi degli spazi per lo sviluppo di relazioni nuove facendo avvicinare due mondi ora separati: il lavoro presso il luogo/azienda e la vita privata all'interno della propria dimensione domestica.



Entrare in sintonia con i propri interlocutori, ascoltare attivamente, non solo sentire.

Fermiamoci solo per un secondo a riflettere: come ci poniamo di fronte all'ascolto e all'osservazione, se si parla di colleghi o dei propri capi? 

Concentriamoci sul nostro interlocutore, servendoci di una buona dose di ascolto attivo e di osservazione. Rispettiamo gli spazi dei nostri interlocutori, evitando commenti, parole o giudizi che ci passano impulsivamente per la mente. Poniamoci con la curiosità di chi vuole scoprire qualcosa di nuovo, che non è ancora stato trovato.

Solo ascoltando ed osservando possiamo scoprire cosa è davvero importante per la nostra controparte… chiunque sia. Non sono queste delle buone pratiche da sviluppare per una buona comunicazione interpersonale in generale? Non sono questi comportamenti concreti da mettere in atto in una relazione di lavoro tanto fisica quanto virtuale?

A questo punto la domanda sorge spontanea: il futuro va verso lo smart working inteso come lavoro da remoto, o va verso un modo più efficace di relazionarsi? 

Come sempre, l'equilibrio parte dalle persone e nasce dalla nostra maturità e dalla nostra capacità di educarci. È innegabile: spazio e luogo influenzano i comportamenti all'interno di un'organizzazione, ma per fare accadere le cose serve un buon equilibrio tra relazione e focalizzazione sui risultati.

A dimostrazione del fatto che tutto è possibile, in questo critico momento storico, in cui le relazioni umane sembrano ridotte all'osso è la componente esperienziale a farne le spese. Ma è altresì la dimostrazione che, se si creando le giuste condizioni (ascolto, apertura, concentrazione e focalizzazione) si può fare.


Houston, we solved the problem!

Ritorniamo ai nostri eroi della missione Apollo 13. Chiediamoci a questo punto, a tecnologia data: quali sono stati i comportamenti distintivi che le parti hanno messo in atto per raggiungere il loro obiettivo?

Avevano un piano. Erano focalizzati al risultato. Possedevano una forte abilità di problem solving. Hanno dimostrato coraggio, sangue freddo e capacità di adattamento. Ma soprattutto, quello che hanno saputo agire senza alcuna ombra di dubbio è stata una buona comunicazione, collaborazione e cooperazione tra team della NASA.

Ora, se in questo preciso momento storico, lo smart working sembra essere la nuova sfida delle organizzazioni, chiediamoci: cosa serve realmente affinché possa essere considerata una missione di successo?


28.5.2020
Una nuova normalità è l'occasione per ritrovare l'autenticità
Roberto Degli Esposti

21.5.2020
La flessibilità delle lavoratrici nell'emergenza Covid19 e il rischio di una fase 0
Performant

14.5.2020
Connettersi, Disconnettersi e Focus – cosa stiamo imparando lavorando da casa?
Performant

6.5.2020
La forza della mindfulness. Il percorso di Pamela Maguire
Performant

30.4.2020
Come dare feedback nella comunicazione digitale
Performant

23.4.2020
Nuovi comportamenti da attuare durante l'emergenza COVID-19
Performant

16.4.2020
Come possiamo prepararci all'autunno 2020?
Performant

9.4.2020
Il Team Coaching in virtuale
David Clutterbuck

2.4.2020
4 effetti collaterali del lavoro da remoto
Performant

25.3.2020
L'onestà aiuterà il team ad attraversare la crisi
Performant

19.3.2020
Uno sguardo sulla Supervisione: l'esperienza di Monica Giacomini come Supervisee
Performant

12.3.2020
Perché un'azienda dovrebbe puntare sulla mindfulness?
Pamela Maguire

8.3.2020
Perché parlare di gender inclusion in azienda oggi è più difficile che mai?
Anja Puntari

5.3.2020
"Houston, we have a problem!"
Rosalba Dambrosio

27.2.2020
Come aiutare la performance di un Team impegnato su un progetto strategico aziendale
Francesco Solinas

20.2.2020
Quali competenze deve possedere un influencer?
Matteo Fumagalli

13.2.2020
Come l'Agile Mindset favorisce e sviluppa il Business Coaching
Deborah Bianchi

6.2.2020
Perchè essere donna non vuol dire essere diversa: ritratto di Marianne Fröberg
Performant

29.1.2020
Dal Coaching 1:1 al Team Coaching
David Clutterbuck

23.1.2020
Migliorare le performance: 5 competenze da allenare nel 2020
Performant

15.1.2020
Cosa vorresti realizzare? Siamo tutti imprenditori ma pochi lo sanno.
Carlo Boidi

2.1.2020
La finestra sul giardino: una vista sul decennio che verrà
Roberto Degli Esposti

19.12.2019
Il nostro impegno nel sociale:
intervista a Mariana Ruenes
Anja Puntari

12.12.2019
Sette domande ad Alberto Camuri
Performant

21.11.2019
FOMO: Una nuova forma di ansia sociale
Matteo Fumagalli

31.10.2019
Leadership e potere
Roberto Degli Esposti

24.10.2019
Essere Business Coach: Sei domanda a Luca Federico Ricci
Performant

23.10.2019
Boss and Leader: Twin roles
Gian Franco Goeta

17.10.2019
La riunione di lavoro? Dovrebbe essere l'eccezione
Francesco Solinas

9.10.2019
Dove sta andando il Business Coaching: Il keynote speech di Roberto Degli Esposti
Performant

3.10.2019
Da Impiegato ad Amministratore Delegato in 7 passi. Dove sei ora e dove vuoi arrivare?
Carlo Boidi

1.10.2019
Is your organisation ready for internally sourced team coaching?
David Clutterbuck

26.9.2019
Perchè Siamo Diventati Immuni Alla Pubblicità?
Performant

24.9.2019
Yet another reason to focus more on the team and less on individuals
David Clutterbuck

18.9.2019
Non c'è dubbio: il nostro cervello pensa in modo spaziale
Georg Senoner

17.9.2019
Why do Coaches need supervision?
David Clutterbuck

12.9.2019
I superpoteri del Sales Leader

10.9.2019
Why leading change just keeps getting more complicated
David Clutterbuck

5.9.2019
Capo e leader: due ruoli gemellari
Gian Franco Goeta

3.9.2019
How to build a Coaching culture in work teams
David Clutterbuck

29.8.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Angela Bassi
Performant

27.8.2019
Lost in Translation
Rosalba Dambrosio

8.8.2019
Conosci te stesso e non presumere di essere di più
Carlo Boidi

6.8.2019
Linking Mentoring and Coaching to business processes
David Clutterbuck

1.8.2019
Cosa c'entrano le costellazioni?
Georg Senoner

25.7.2019
Vedere: una forma d'ascolto
Anja Puntari

18.7.2019
La gestione dello stress
Francesco Solinas

16.7.2019
How can I help my manager to Coach me?
David Clutterbuck

11.7.2019
STILI DI COMUNICAZIONE DIVERSI: Un tesoro per il Team
Performant

9.7.2019
From one to one Coach to Team coach
David Clutterbuck

4.7.2019
Feedback, Feedforward e Coaching Conversation
Patrizia Fagnani

2.7.2019
Eight Coaching myths and misconceptions
David Clutterbuck

27.6.2019
Selezione HR e competenze comportamentali: Intervista a Monica Ferrario
Performant

20.6.2019
L'esercizio disfa il potere (nei team)
Roberto Degli Esposti

13.6.2019
Le tante facce della responsabilità
Georg Senoner

11.6.2019
What every HR director should know about coaching and mentoring strategy
David Clutterbuck

6.6.2019
Come decidiamo? Riflessioni sulla correlazione tra emozioni e pensieri
Georg Senoner

4.6.2019
The ROI of Mindfulness
Pamela Maguire

29.5.2019
KNOW YOUR OWN CULTURE TO WORK EFFECTIVELY WITH OTHERS: Interview by Anja Puntari with Tim Bright
Anja Puntari

23.5.2019
Cosa sono le Management Constellation: Intervista a Georg Senoner
Performant

16.5.2019
LA SUPERVISIONE: Elemento di differenziazione
Alberto Camuri

9.5.2019
Leadership musicale e aziendale a confronto: Intervista a Andrea Porta
Performant

2.5.2019
COMPETENCY-BASED RECRUITMENT: Intervista a Pietro Ferrario
Performant

24.4.2019
Dalle caratteristiche vincenti della nostra specie al Mentoring
Carlo Boidi

18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant