Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



12.3.2020
Perché un'azienda dovrebbe puntare sulla mindfulness?


La mindfulness in azienda incrementa la performance, riduce lo stress e l'ansia, aumenta la concentrazione e la memoria, sblocca la creatività e l'innovazione e potenzia l'intelligenza emotiva e la resilienza. Migliora la comunicazione interpersonale e il lavoro in squadra come anche il livello di ingaggio e di soddisfazione dei dipendenti. Inoltre, riduce il "turnover" e genera un eccellente ROI. 

Il contesto

Che la tua azienda sia una multinazionale, di media dimensione o una PMI, qual è il tuo obiettivo più importante? Creare valore, vero? Quotidianamente le società cercano di ottenere i risultati migliori facendo qualcosa che serve ai clienti. Ma non è facile: come si può fare ai giorni d'oggi? Viviamo e lavoriamo seguendo un ritmo molto veloce dove siamo bombardati di richieste che sono spesso in conflitto, siamo sovraccarichi di informazioni con delle aspettative di lavoro e produzione dei risultati eccellenti in un contesto che sta cambiando in continuazione e ha poche certezze. Quello che in passato ci è servito come guida per il successo non necessariamente può aiutarci adesso. Incertezze, mancanza di un senso di controllo sul contesto nella quale lavoriamo, tante scadenze spesso urgenti e distrazioni costanti sono degli eccellenti ingredienti che inducono un alto livello di stress.


Lo stress: amico o nemico?

Un certo livello di stress ci fa bene perché ci aiuta a dare il meglio di noi. Un carico di energia infatti si chiama "eustress", dal prefisso greco "eu" significante "buono" e "stress": rappresenta la zona di performance ottimale. Il problema sussiste quando la carica di stress diventa troppo elevata, tanti livelli di stress insieme sovraccaricano l'individuo e questo stato che viene chiamato "carico allostatico". Questo carico ha delle ripercussioni negative sulla salute fisica e mentale della persona, la quale esce della zona di eustress ed entra in una zona di "distress". Non riusciamo più a eseguire il lavoro in modo ottimale, anzi iniziamo a rendere male, perché il distress impatta negativamente il nostro umore, le nostre interazioni con gli altri, diventiamo stanchi e non ci riusciamo a concentrare, siamo molto meno lucidi nel prendere delle decisioni e il nostro sistema immunitario ne risente: siamo propensi ad ammalarci. Tutto ciò ha un impatto negativo sul nostro lavoro e sulla nostra fisiologia.


Hai mai sentito parlare di Mindfulness?

Torniamo alla domanda su come creare valore in questa congiuntura piena di stressors (cose che ci stressano). Avrete sicuramente sentito parlare di mindfulness, che è diventata molto popolare in questi ultimi anni. Come spesso accade quando una pratica diventa di moda, ognuno di noi matura una propria opinione in merito. La Mindfulness ti fa sentire calma, rilassata e ti fa svuotare la mente dai pensieri, vero? Invece non è affatto così. La Mindfulness è proprio l'opposto: ti allena ad osservare i tuoi pensieri, le tue emozioni e tutto quello che accade intorno a te. Diventi più consapevole di te stessa e del mondo che ti circonda. Ed è per questo che ci può aiutare ad avere quel distacco sano che ci permette di vedere le cose come sono e non come pensiamo o vorremmo che fossero. Di prendere le decisioni a mente lucida.  


Che cos'è la Mindfulness?

Mindfulness vuol dire essere presente nel momento, completamente consapevole di ciò che succede nella nostra mente e nel nostro corpo e di quello che succede nel mondo intorno a noi. Quando siamo mindful, siamo consapevoli di quello che stiamo facendo mentre lo stiamo eseguendo, di quello che stiamo sentendo mentre lo stiamo sentendo, e di quello che stiamo pensando mentre lo stiamo pensando. Capiamo quando siamo distratti, quando la mente divaga. Quando ci alleniamo diventa più facile sintonizzare la nostra attenzione e non essere distratti dalle mille incombenze e stimoli. Questo ci aiuta a lavorare in un modo più efficace e produttivo. Aiuta anche nei rapporti con gli altri: diventiamo più consapevoli delle nostre emozioni, di quelle degli altri e siamo in grado di usare l'intelligenza emotiva. Infatti Daniel Goleman, psicologo di fama mondiale e padre di numerosi studi sull'intelligenza emotiva, dice che la mindfulness e l'intelligenza emotiva vanno di pari passo, non esiste l'una senza l'altra. La Mindfulness ci permette di pensare prima di rispondere e di comunicare in modo più abile ed efficace, ed inoltre migliora la nostra attenzione, produttività, processi decisionali, consapevolezza e intelligenza emotiva.


L'elenco di motivi per portare la mindfulness in azienda

La Mindfulness non dovrebbe essere considerata come un "nice-to-have" per gli Executives perché serve a tutti in azienda. É un "must-have": la mindfulness è una pratica che ci permette di rimanere sani, che migliora l'autocontrollo e la nostra capacità di prendere decisioni in modo efficace. Ci protegge dagli effetti nocivi causati da alti livelli di stress. I risultati di tanti studi scientifici fatti sulla mindfulness hanno dimostrato i seguenti benefici:

  • Incrementa la performance
  • Riduce lo stress e l'ansia
  • Aumenta la concentrazione e la memoria
  • Sblocca la creatività e l'innovazione
  • Potenzia l'intelligenza emotiva e la resilienza
  • Sviluppa la comunicazione interpersonale e il lavoro in squadra
  • Migliora il livello di ingaggio e di soddisfazione dei dipendenti
  • Riduce il "turnover"
  • Genera un eccellente Ritorno sugli Investimenti (ROI)

Chiedi alle aziende che l'hanno già provata!

Puoi semplicemente guardare le grandi società che l'hanno già sperimentata in azienda e i risultati che hanno ottenuto. L'elenco delle aziende che utilizzano la mindfulness è lungo ed è sempre in crescendo. Eccone alcune:

Microsoft – Satya Nadella, CEO of Microsoft, quando ha preso le redini dell'azienda nel 2014, ha trovato una società che aveva difficoltà a rimanere aggiornata sui nuovi paradigmi: doveva spostare una cultura aziendale improntata al "sapere tutto" ad una cultura improntata all' "imparare". Ciò è stato possibile con un connubio di mindfulness e Coaching, e da quando ha introdotto questa nuova cultura le azioni di Microsoft in borsa sono triplicate. Non male come performance!

Novartis - Il nuovo CEO di Novartis, Vasant Narasimhan, dice che il beneficio della mindfulness per lui più impattante, gli ha permesso di sopire la voce interna che offuscava la sua realtà e questo gli ha permesso di avere un approccio più lucido nel prendere delle decisioni. La mindfulness aumenta la concentrazione e memoria.  

Goldman Sachs -  William George, Goldman Sachs Board Member e Harvard Business School Fellow in un'intervista al Financial Times ha raccontato come la mindfulness gli permette di rimanere focalizzato sulle cose più importanti. La banca d'affari multinazionale Goldman Sachs attribuisce il vantaggio competitivo della società al benessere e alla mindfulness: la società a Business Insider ha parlato di come la mindfulness alleni lo "stare vigili" nel presente e di come, se praticata, aiuti i lavoratori a pensare più lucidamente.

Google - Richard Fernandez, psicologo e precedentemente Director of Executive Development di Google sostiene di aver visto un significativo miglioramento del suo modo di lavorare da quando la compagnia gli ha offerto un training di mindfulness: "Sono decisamente un leader più resiliente," racconta nell'intervista al New York Times. "Ascolto più attentamente e meno reattivamente durante meetings importanti. Non mi spaventa più lavorare con Senior Executives che sanno essere molto esigenti. È quasi un conto bancario emotivo e mentale. Ora è come se avessi un ammortizzatore.

INTEL - la società multinazionale americana INTEL ha iniziato a offrire ai suoi dipendenti training di mindfulness nel 2012. Da quando la società ha iniziato a concentrarsi sullo sviluppo del benessere e della mindfulness, i dipendenti hanno riportato una riduzione di due punti (su una scala da 1 a 10) nello stress e un aumento di tre punti della felicità generale e dei sentimenti di benessere. Inoltre, i dipendenti di Intel hanno segnalato un incremento nella qualità e produzione di nuove idee, approfondimenti, chiarezza mentale, creatività, attenzione, lavoro di squadra, relazioni sul posto di lavoro e desiderio di coinvolgimento in riunioni e progetti.

SAP conferma di aver ottenuto un 200% del ROI sul progetti di mindfulness in azienda, con un'ascesa dell'engagement nei dipendenti e un crollo sull'assenteismo. Per approfondire il ruolo giocato dalla mindfulness nel ROI, leggi l'articolo di Pamela Maguire.


Cosa devi considerare per scegliere un programma di mindfulness per la tua azienda?  

Che tipo di esperienza ha la persona che eroga il corso, l'istruttore? Ha esperienza in azienda, ha studiato la materia a livello accademico? Gli istruttori dovrebbero avere una pratica personale ed esperienza di mindfulness già di diversi anni. Dovrebbe aver studiato sia la pratica che la teoria della mindfulness in una scuola di un certo livello con un istruttore a sua volta con un buon livello di expertise alle spalle.  

Quali sono le tue aspettative dal programma e che risultati vuoi raggiungere? Benessere, produttività, innovazione e/o lavoro di squadra? É sempre meglio iniziare con un'idea chiara sui risultati attesi così da poter creare un programma cucito sui bisogni. Inoltre è preferibile iniziare questo percorso proponendo i percorsi di mindfulness ai vertici e dirigenti aziendali, ad esempio provare con un gruppo pilota.


In breve

Praticare la mindfulness comporta una lunga serie di benefici quali benessere, concentrazione, riduzione dello stress e un miglioramento dell'interazione sociale. Ha un effetto positivo anche sul fatturato finale dell'azienda e della singola performance lavorativa. Non è difficile da implementare e non necessita di speciali attrezzature: tutto ciò di cui ha bisogno è un insegnante qualificato e competente, fattore che fa la differenza, una sedia o tappetino o un cuscino. Ecco tutto.
Volete sapere di più? Chiamateci, siamo sempre contenti di parlare di come possiamo modulare la mindfulness per la vostra azienda. Potrete partecipare alla nostra Business Sangha di SCOA una volta al mese oppure in live streaming a causa della situazione contingente. Sembra troppo bello per essere vero, ma la cosa veramente bella è che funziona sul serio. 


28.5.2020
Una nuova normalità è l'occasione per ritrovare l'autenticità
Roberto Degli Esposti

21.5.2020
La flessibilità delle lavoratrici nell'emergenza Covid19 e il rischio di una fase 0
Performant

14.5.2020
Connettersi, Disconnettersi e Focus – cosa stiamo imparando lavorando da casa?
Performant

6.5.2020
La forza della mindfulness. Il percorso di Pamela Maguire
Performant

30.4.2020
Come dare feedback nella comunicazione digitale
Performant

23.4.2020
Nuovi comportamenti da attuare durante l'emergenza COVID-19
Performant

16.4.2020
Come possiamo prepararci all'autunno 2020?
Performant

9.4.2020
Il Team Coaching in virtuale
David Clutterbuck

2.4.2020
4 effetti collaterali del lavoro da remoto
Performant

25.3.2020
L'onestà aiuterà il team ad attraversare la crisi
Performant

19.3.2020
Uno sguardo sulla Supervisione: l'esperienza di Monica Giacomini come Supervisee
Performant

12.3.2020
Perché un'azienda dovrebbe puntare sulla mindfulness?
Pamela Maguire

8.3.2020
Perché parlare di gender inclusion in azienda oggi è più difficile che mai?
Anja Puntari

5.3.2020
"Houston, we have a problem!"
Rosalba Dambrosio

27.2.2020
Come aiutare la performance di un Team impegnato su un progetto strategico aziendale
Francesco Solinas

20.2.2020
Quali competenze deve possedere un influencer?
Matteo Fumagalli

13.2.2020
Come l'Agile Mindset favorisce e sviluppa il Business Coaching
Deborah Bianchi

6.2.2020
Perchè essere donna non vuol dire essere diversa: ritratto di Marianne Fröberg
Performant

29.1.2020
Dal Coaching 1:1 al Team Coaching
David Clutterbuck

23.1.2020
Migliorare le performance: 5 competenze da allenare nel 2020
Performant

15.1.2020
Cosa vorresti realizzare? Siamo tutti imprenditori ma pochi lo sanno.
Carlo Boidi

2.1.2020
La finestra sul giardino: una vista sul decennio che verrà
Roberto Degli Esposti

19.12.2019
Il nostro impegno nel sociale:
intervista a Mariana Ruenes
Anja Puntari

12.12.2019
Sette domande ad Alberto Camuri
Performant

21.11.2019
FOMO: Una nuova forma di ansia sociale
Matteo Fumagalli

31.10.2019
Leadership e potere
Roberto Degli Esposti

24.10.2019
Essere Business Coach: Sei domanda a Luca Federico Ricci
Performant

23.10.2019
Boss and Leader: Twin roles
Gian Franco Goeta

17.10.2019
La riunione di lavoro? Dovrebbe essere l'eccezione
Francesco Solinas

9.10.2019
Dove sta andando il Business Coaching: Il keynote speech di Roberto Degli Esposti
Performant

3.10.2019
Da Impiegato ad Amministratore Delegato in 7 passi. Dove sei ora e dove vuoi arrivare?
Carlo Boidi

1.10.2019
Is your organisation ready for internally sourced team coaching?
David Clutterbuck

26.9.2019
Perchè Siamo Diventati Immuni Alla Pubblicità?
Performant

24.9.2019
Yet another reason to focus more on the team and less on individuals
David Clutterbuck

18.9.2019
Non c'è dubbio: il nostro cervello pensa in modo spaziale
Georg Senoner

17.9.2019
Why do Coaches need supervision?
David Clutterbuck

12.9.2019
I superpoteri del Sales Leader

10.9.2019
Why leading change just keeps getting more complicated
David Clutterbuck

5.9.2019
Capo e leader: due ruoli gemellari
Gian Franco Goeta

3.9.2019
How to build a Coaching culture in work teams
David Clutterbuck

29.8.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Angela Bassi
Performant

27.8.2019
Lost in Translation
Rosalba Dambrosio

8.8.2019
Conosci te stesso e non presumere di essere di più
Carlo Boidi

6.8.2019
Linking Mentoring and Coaching to business processes
David Clutterbuck

1.8.2019
Cosa c'entrano le costellazioni?
Georg Senoner

25.7.2019
Vedere: una forma d'ascolto
Anja Puntari

18.7.2019
La gestione dello stress
Francesco Solinas

16.7.2019
How can I help my manager to Coach me?
David Clutterbuck

11.7.2019
STILI DI COMUNICAZIONE DIVERSI: Un tesoro per il Team
Performant

9.7.2019
From one to one Coach to Team coach
David Clutterbuck

4.7.2019
Feedback, Feedforward e Coaching Conversation
Patrizia Fagnani

2.7.2019
Eight Coaching myths and misconceptions
David Clutterbuck

27.6.2019
Selezione HR e competenze comportamentali: Intervista a Monica Ferrario
Performant

20.6.2019
L'esercizio disfa il potere (nei team)
Roberto Degli Esposti

13.6.2019
Le tante facce della responsabilità
Georg Senoner

11.6.2019
What every HR director should know about coaching and mentoring strategy
David Clutterbuck

6.6.2019
Come decidiamo? Riflessioni sulla correlazione tra emozioni e pensieri
Georg Senoner

4.6.2019
The ROI of Mindfulness
Pamela Maguire

29.5.2019
KNOW YOUR OWN CULTURE TO WORK EFFECTIVELY WITH OTHERS: Interview by Anja Puntari with Tim Bright
Anja Puntari

23.5.2019
Cosa sono le Management Constellation: Intervista a Georg Senoner
Performant

16.5.2019
LA SUPERVISIONE: Elemento di differenziazione
Alberto Camuri

9.5.2019
Leadership musicale e aziendale a confronto: Intervista a Andrea Porta
Performant

2.5.2019
COMPETENCY-BASED RECRUITMENT: Intervista a Pietro Ferrario
Performant

24.4.2019
Dalle caratteristiche vincenti della nostra specie al Mentoring
Carlo Boidi

18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant