Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



14.5.2020
Connettersi, Disconnettersi e Focus – cosa stiamo imparando lavorando da casa?
Performant
by SCOA

Articolo di Tim Bright, Partner at OneWorld Consulting, Executive Search Consultant, Leadership Coach e Facilitatore


La maggior parte del mondo è ancora in lockdown, e molti di noi stanno lavorando da casa molto più di prima. Quali sono le migliori scorciatoie per sopravvivere, avere successo e persino prosperare in questo "nuovo normale"? Abbiamo parlato con clienti, colleghi e consultato esperti per mettere insieme alcune idee che speriamo possano esserti utili. 

Innanzitutto, non esiste una soluzione valida per tutti. Siamo tutti diversi e ciò che funziona per una persona non vale per un'altra. Il nostro lavoro, la nostra situazione familiare, le nostre esigenze sono tutte diverse, quindi qualunque cosa tu legga qui o altrove, non prenderla come regola ferrea, ma valuta se si adatta o meno alle tue circostanze. In questi giorni particolari stiamo imparando di più su noi stessi e su gli altri e continueremo ad imparare, ad adattarci e a maturare nuove abitudini man mano che procediamo in questa direzione: sii flessibile e indulgente con te stesso e gli altri.


Abbiamo pensato a connessione, disconnessione e focus.

In autoisolamento ci mancano le nostre solite connessioni, sia sociali che commerciali. Quindi è importante fare uno sforzo extra per rimanere in contatto con queste persone. Usa questa contingenza come una grande opportunità per rafforzare il network e riconnetterti con persone con cui non hai parlato per un po'. Le videochiamate sono ottimi strumenti: invece di utilizzare il telefono, serviti di Skype, WhatsApp, FaceTime, Zoom, Microsoft Teams, Google Duo o qualsiasi altra piattaforma che funzioni meglio per te. Nel nostro team di OneWorld Consulting teniamo i Microsoft Teams aperti durante l'orario di lavoro e facciamo rapide videochiamate informali: è un ottimo modo per rimanere in connessi.

Mentre lavori da casa, le tue routine sono diverse dal normale e molti trovano utile crearne di nuove.

Nella nostra vita lavorativa, soprattutto ora, i confini tra lavoro e spazi personali sono diventati sempre più confusi. Ora stiamo lavorando da casa, e il confine rischia di scomparire, parte di questo è inevitabile. A tal proposito dovremmo essere tutti più comprensivi nei confronti, ad esempio, dei bambini che appaiono sullo sfondo (o in primo piano) delle nostre videochiamate e di altre interruzioni! È bello evitare il pendolarismo e indossare ciò che vogliamo, ma la mancanza di confini delineati può portare all'eventualità che il lavoro si impadronisca di tutto il nostro me time. Le persone con cui stiamo parlando lavorano più a lungo e più intensamente del solito, stabilire alcuni limiti è certamente utile per salvaguardare sia il tempo di lavoro che lo spazio personale.

Attenersi alla routine di normale orario di ufficio può essere una buona idea. Essere operativi dalle 9:00 alle 18:00 o in qualunque orario funzioni per te è una soluzione, basta staccare dal lavoro al di fuori degli orari deputati. Se controlli e rispondi ai messaggi fino a tarda sera e nel fine settimana, non avrai i momenti di disconnessione di cui hai bisogno. Ci stiamo rendendo conto che questo periodo è una maratona, non uno sprint, e devi occuparti della tua salute fisica e mentale. Una parte fondamentale di questo processo è disconnettersi e riposare: allontana il telefono quando ti rilassi la sera. Se devi assolutamente controllare i messaggi, fallo ogni ora e fai una pausa prima di rispondere: "l'urgenza può aspettare fino a quando torno operativo?". E ricorda che gli smartphone hanno la modalità aereo (e un pulsante di spegnimento), sono lì per essere usati! Va bene non lavorare 24h su 24, e puoi impostare un alert "non disponibile" per avvertire le persone quando ti stai prendendo un po' di tempo libero e che possono contattarti telefonicamente se c'è un'urgenza.

Molti dei nostri clienti di Executive Coaching hanno l'abitudine malsana di essere sempre operativi. Un modo per migliorare questo deleterio atteggiamento è impostare alcune ore in cui non si controllano i messaggi. Dopo le 20:00? Durante la domenica? Brevi periodi di disconnessione certamente aiuteranno.

Infatti disconnettersi dal lavoro può significare connettersi con chi è intorno a te o con te stesso. In questi giorni alcune persone sono rimaste sole tutto il tempo, altre sono schiacciate da impegni familiari. Se fai parte di quest'ultimo gruppo, prenditi del tempo per stare da solo e non essere timido nel dire che ne hai bisogno.


Concentrarsi è una sfida per molti di noi. 

Trascorriamo la maggior parte del tempo sui nostri home desks, ma quanto lavoro reale stiamo facendo? Costruisci abitudini che ti aiutino a concentrarti quando è necessario, crea uno spazio in casa dove puoi lavorare, e anche se è solo un tavolo da cucina, trattalo come il tuo spazio di lavoro. Quindi, quando hai finito di lavorare, metti in borsa il tuo computer e stacca la spina.

Quando lavoriamo da casa, ci mancano le routine dell'ufficio e alcune persone trascorrono lunghi periodi davanti al loro schermo senza una pausa. Ancora una volta, devi trovare cosa funziona per te e sperimentare approcci diversi. Nessuno può concentrarsi tutto il giorno e per 8 ore di fila, perciò devi creare pause regolari nell'arco della tua giornata e momenti di piena concentrazione. Durante il focus, disattiva le interruzioni, riduci le notifiche sul tuo computer e telefono e controlla i messaggi a intervalli regolari. Numerose ricerche dimostrano che il multitasking non funziona, e ciò che viene confuso come multitasking è un inefficiente multi-commutazione tra più attività: Devora Zack ha alcuni ottimi consigli su come migliorare la nostra attenzione.

Osserva come fluttua l'andamento della tua produttività e pianifica le urgenze più importanti nei momenti di maggiore concentrazione. La tecnica Pomodoro, che consiste nel completare 25 minuti di lavoro, o pomodori, e fare una pausa di 5 minuti prima del successivo pomodoro, è una app sviluppata da Francesco Cirillo e funziona per molte persone, sia studenti che lavoratori.

LinkedIn Learning offre video gratuiti sull'efficacia del lavoro a distanza, incluse tecniche per maneggiare con successo la tecnologia

La gente ci sta dicendo che le loro to-do lists stanno diventando sempre più lunghe piuttosto che più corte. Accetta che non sarai mai coinvolto in tutti i processi attivi nella tua azienda e, come Art Markman consiglia, concentrati su ciò che hai realizzato, pratica l'autocompassione e l'accettazione della tua situazione attuale.

Costruire abitudini migliori è difficile e può sembrare impossibile. Ma possiamo rafforzare la nostra forza di volontà e imparare a gestire meglio le distrazioni. Una delle tecniche che funziona meglio per me è la raccomandazione di Leo Babauta di fare una pausa prima di cambiare l'attività che stai facendo. Stai scrivendo una e-mail o un rapporto e poi hai voglia di controllare i social media o le ultime notizie? Fermati. Fai una pausa per 5-10 secondi. Fai un respiro profondo. Pensa se desideri davvero l'interruzione o se sia meglio concentrarti sul tuo compito attuale. Quindi scegli cosa fare. Sceglierai il giusto, il più delle volte.

Alcuni di noi trovano app come Forest molto utili e simpatiche (gli alberi virtuali muoiono se giochi con il tuo telefono!) perché possono aiutarci a rimanere concentrati. Non abbiamo ancora provato Focusmate, che ti collega in videocall con un focus partner casuale e entrambi vi impegnate a dedicare 50 minuti a tutto ciò che dovete fare. Ovviamente potresti provare lo stesso con uno dei tuoi amici!

Nella situazione attuale è utile disconnettersi dal continuo flusso di notizie. Scegli alcune fonti di cui ti fidi e leggile regolarmente (due volte al giorno?), ma evita aggiornamenti costanti di notizie che ti deprimano e ti distraggano dai tuoi compiti.

Il lavoro di Anders Ericsson dimostra che i più grandi sportivi limitano le sezioni più intense della loro routine di allenamento a 4 ore al giorno e che si riposano regolarmente. Per riuscire a concentrarci completamente dobbiamo anche riposare. In questi giorni può essere difficile, quindi prova a fare una pausa pranzo adeguata, disconnettiti dalla tecnologia e siediti in una stanza diversa da quella in cui lavori. L'attenzione è un muscolo mentale e può essere rafforzata con la giusta pratica.

Mindfulness può significare cose diverse, ma non c'è dubbio che semplici pratiche di mindfulness possano aiutare l'attenzione, connessione disconnessione. Ci sono risorse gratuite su rinsingmind e mindfulnessworks. L'app headspace è un'altra valida risorsa.

Leo Babauta ha ottimi suggerimenti per praticare meditazione in questi crazy times e dimostra come solo due minuti di concentrazione sulla respirazione possano davvero aiutare. Se sei troppo occupato o troppo distratto per meditare, leggi questo.

Ma se la mindfulness e la meditazione sono troppo soft per te, prova questa tecnica degli US Navy Seals che richiede solo 16 secondi!


Una delle nostre pratiche preferite del momento è lo SNACK consapevole di Carla Naumburg.

Ci sono molte cose che abbiamo imparato dalla psicologia positiva nel corso degli anni e la crisi attuale è l'occasione ideale per applicare ciò che abbiamo imparato. Una cosa che sappiamo funziona è l'esercizio della gratitudine. Liz Hall e altri hanno condiviso sui social media ciò di cui sono grati ogni giorno. Annotare tre cose che oggi sono andate bene può avere un grande impatto positivo sul tuo benessere e ti ricorda che probabilmente ci sono molte persone in una situazioni molto peggiori!

Presta attenzione alla salute mentale tua e degli altri. Questi non sono giorni normali e richiedono adattamento emotivo e psicologico. Una grande fonte di idee, risorse e supporto gratuito è Action for Happiness. Il loro calendario di coping è davvero utile e noi adoriamo il loro motto Keep Calm. Sii saggio. Sii gentile. Per chi ha bambini, Childline è una grande risorsa gratuita.

Va bene non essere ok. Avremo tutti alti e bassi e non tutti useremo il nostro tempo libero per essere super produttivi. Action for Happiness dà consigli specifici per questa emergenza a questo link. Sii pronto a chiedere aiuto e supporto quando ne hai bisogno.

Oltre alla nostra salute mentale, dobbiamo prestare attenzione alla nostra salute fisica in questi giorni passati a casa. Sappiamo che la vita sedentaria è il fumo della nostra generazione, ed è importante non rimanere seduti per lunghi periodi. Alzati e muoviti regolarmente. Usa le cuffie in modo da poterti muovere durante le chiamate. Se imposti il tuo spazio di lavoro in modo da lavorare in piedi, sarebbe ancora meglio. 

Qualunque cosa tu faccia, presta attenzione all'ergonomia della tua postazione di lavoro e cambia spesso posizione.

Le palestre sono chiuse ma non è una scusa per non fare alcun esercizio. Il Regno Unito ha un nuovo eroe nazionale, Joe Wicks e le sue sessioni live #PEwithJoe stanno mantenendo una nazione in forma. Sono tutti sul suo canale Body Coach su YouTube.

Ci sono molti canali gratuiti per praticare allenamento a casa. E non avere attrezzature non è un problema con Jessica Ennis-Hill.

Stare a casa tutto il giorno può aiutarci ad adottare abitudini sane. Abbiamo spesso cercato di cenare prima, ma abbiamo fallito a causa di impegni di lavoro. Ora è il momento in cui possiamo mangiare l'ultimo pasto avanzato dal giorno prima, che è un ottimo modo per evitare di ingrassare in questi giorni. Dormire regolarmente e in abbondanza è fondamentale per mantenere una buona salute fisica e mentale.


Se hai più tempo libero, questo può essere un ottimo momento per l'apprendimento.

Finalmente puoi leggere quei libri che ti stanno aspettando da tempo. Ci sono centinaia di risorse gratuite per l'apprendimento online, qualunque sia il tuo interesse. Ted Talks, LinkedIn Learning, Coursera, Udemy, Harvard Business Review, HBR Türkiye, MIT Sloan Management Review,
McKinsey Quarterly e molti altri hanno materiale infinito, sia gratuito che non. Compresa la RAI, con la sua piattaforma online per scaricare ed ascoltare gli audiolibri dei più famosi capolavori della letteratura. 

The English Channel del British Council ha a disposizione un sacco di video gratuiti da guardare, tra cui alcuni esercizi per sviluppare le tue abilità in inglese, tra cui questa canzone degli Stormzy.

Cambridge Assessment International Education ha condiviso risorse gratuite per genitori e bambini che stanno studiando da casa e molte altre istituzioni come Tink Türkiye stanno facendo lo stesso.

Questo è anche un ottimo momento per ascoltare i podcast per divertimento o apprendimento. Due dei miei preferiti che hanno distolto per un po' la mia attenzione dalla crisi sono Freakonomics e The Infinite Monkey Cage.


E infine, molte risorse online offrono suggerimenti su come trascorrere il tempo libero in questi giorni. Questa è una delle nostre preferite.

Stai al sicuro, mantieni la calma, sii saggio e gentile con te stesso e gli altri. Osserva te stesso, gli altri e nota come ti stai adattando e cosa stai imparando.


28.5.2020
Una nuova normalità è l'occasione per ritrovare l'autenticità
Roberto Degli Esposti

21.5.2020
La flessibilità delle lavoratrici nell'emergenza Covid19 e il rischio di una fase 0
Performant

14.5.2020
Connettersi, Disconnettersi e Focus – cosa stiamo imparando lavorando da casa?
Performant

6.5.2020
La forza della mindfulness. Il percorso di Pamela Maguire
Performant

30.4.2020
Come dare feedback nella comunicazione digitale
Performant

23.4.2020
Nuovi comportamenti da attuare durante l'emergenza COVID-19
Performant

16.4.2020
Come possiamo prepararci all'autunno 2020?
Performant

9.4.2020
Il Team Coaching in virtuale
David Clutterbuck

2.4.2020
4 effetti collaterali del lavoro da remoto
Performant

25.3.2020
L'onestà aiuterà il team ad attraversare la crisi
Performant

19.3.2020
Uno sguardo sulla Supervisione: l'esperienza di Monica Giacomini come Supervisee
Performant

12.3.2020
Perché un'azienda dovrebbe puntare sulla mindfulness?
Pamela Maguire

8.3.2020
Perché parlare di gender inclusion in azienda oggi è più difficile che mai?
Anja Puntari

5.3.2020
"Houston, we have a problem!"
Rosalba Dambrosio

27.2.2020
Come aiutare la performance di un Team impegnato su un progetto strategico aziendale
Francesco Solinas

20.2.2020
Quali competenze deve possedere un influencer?
Matteo Fumagalli

13.2.2020
Come l'Agile Mindset favorisce e sviluppa il Business Coaching
Deborah Bianchi

6.2.2020
Perchè essere donna non vuol dire essere diversa: ritratto di Marianne Fröberg
Performant

29.1.2020
Dal Coaching 1:1 al Team Coaching
David Clutterbuck

23.1.2020
Migliorare le performance: 5 competenze da allenare nel 2020
Performant

15.1.2020
Cosa vorresti realizzare? Siamo tutti imprenditori ma pochi lo sanno.
Carlo Boidi

2.1.2020
La finestra sul giardino: una vista sul decennio che verrà
Roberto Degli Esposti

19.12.2019
Il nostro impegno nel sociale:
intervista a Mariana Ruenes
Anja Puntari

12.12.2019
Sette domande ad Alberto Camuri
Performant

21.11.2019
FOMO: Una nuova forma di ansia sociale
Matteo Fumagalli

31.10.2019
Leadership e potere
Roberto Degli Esposti

24.10.2019
Essere Business Coach: Sei domanda a Luca Federico Ricci
Performant

23.10.2019
Boss and Leader: Twin roles
Gian Franco Goeta

17.10.2019
La riunione di lavoro? Dovrebbe essere l'eccezione
Francesco Solinas

9.10.2019
Dove sta andando il Business Coaching: Il keynote speech di Roberto Degli Esposti
Performant

3.10.2019
Da Impiegato ad Amministratore Delegato in 7 passi. Dove sei ora e dove vuoi arrivare?
Carlo Boidi

1.10.2019
Is your organisation ready for internally sourced team coaching?
David Clutterbuck

26.9.2019
Perchè Siamo Diventati Immuni Alla Pubblicità?
Performant

24.9.2019
Yet another reason to focus more on the team and less on individuals
David Clutterbuck

18.9.2019
Non c'è dubbio: il nostro cervello pensa in modo spaziale
Georg Senoner

17.9.2019
Why do Coaches need supervision?
David Clutterbuck

12.9.2019
I superpoteri del Sales Leader

10.9.2019
Why leading change just keeps getting more complicated
David Clutterbuck

5.9.2019
Capo e leader: due ruoli gemellari
Gian Franco Goeta

3.9.2019
How to build a Coaching culture in work teams
David Clutterbuck

29.8.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Angela Bassi
Performant

27.8.2019
Lost in Translation
Rosalba Dambrosio

8.8.2019
Conosci te stesso e non presumere di essere di più
Carlo Boidi

6.8.2019
Linking Mentoring and Coaching to business processes
David Clutterbuck

1.8.2019
Cosa c'entrano le costellazioni?
Georg Senoner

25.7.2019
Vedere: una forma d'ascolto
Anja Puntari

18.7.2019
La gestione dello stress
Francesco Solinas

16.7.2019
How can I help my manager to Coach me?
David Clutterbuck

11.7.2019
STILI DI COMUNICAZIONE DIVERSI: Un tesoro per il Team
Performant

9.7.2019
From one to one Coach to Team coach
David Clutterbuck

4.7.2019
Feedback, Feedforward e Coaching Conversation
Patrizia Fagnani

2.7.2019
Eight Coaching myths and misconceptions
David Clutterbuck

27.6.2019
Selezione HR e competenze comportamentali: Intervista a Monica Ferrario
Performant

20.6.2019
L'esercizio disfa il potere (nei team)
Roberto Degli Esposti

13.6.2019
Le tante facce della responsabilità
Georg Senoner

11.6.2019
What every HR director should know about coaching and mentoring strategy
David Clutterbuck

6.6.2019
Come decidiamo? Riflessioni sulla correlazione tra emozioni e pensieri
Georg Senoner

4.6.2019
The ROI of Mindfulness
Pamela Maguire

29.5.2019
KNOW YOUR OWN CULTURE TO WORK EFFECTIVELY WITH OTHERS: Interview by Anja Puntari with Tim Bright
Anja Puntari

23.5.2019
Cosa sono le Management Constellation: Intervista a Georg Senoner
Performant

16.5.2019
LA SUPERVISIONE: Elemento di differenziazione
Alberto Camuri

9.5.2019
Leadership musicale e aziendale a confronto: Intervista a Andrea Porta
Performant

2.5.2019
COMPETENCY-BASED RECRUITMENT: Intervista a Pietro Ferrario
Performant

24.4.2019
Dalle caratteristiche vincenti della nostra specie al Mentoring
Carlo Boidi

18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant