Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari
Senior Business Coach, Partner e Docente SCOA

Sebastian Diaz Morales, Suspension, 2014, Video HD, 14'40''

Sabato inaugura al grande pubblico la Biennale di Venezia 2017 "VIVA ARTE VIVA" curata dalla francese Christine Macel. La 57a edizione della Biennale offre un panorama sul mondo attuale non solo attraverso le opere d'arte contemporanea ma anche rivolgendo lo sguardo sul processo di "behind the scene" della creazione artistica. Nella mostra di Macel l'artista è un soggetto attivo nella società, esprime una voce di responsabilità nel mondo, un'operare che si traduce in uno "spazio di conoscenza e in un atto di resistenza che diventa un sognare e un inventare il mondo di domani". 

In questo contesto SCOA The School of Coaching continua la riflessione sullo sviluppo del mondo del business stimolato dal pensiero artistico, già iniziata da tempo con il display curatoriale Eccentric, integrando la sua funzione educativa alle scienze manageriali, al fine di sviluppare la leadership della persona e il neo-umanesimo organizzativo. Nel contesto della 57a Biennale di Venezia SCOA - The School of Coaching inizia una nuova partnership con la "i-AM Foundation, una nuova generazione di soggetto associativo, utile al "sistema Arte" per elaborare nuovi modi del sentire filantropico in una disposizione e organizzazione di elementi interconnessi affinché sviluppino le proprie attitudini e apportino benefici all'ambiente circostante". Insieme i due soggetti faranno interventi per esportare la pedagogia dell'Arte nelle attività produttive al fine di stimolare l'individuo nell'esprimere comportamenti sociali utili.

Sia l'operare degli artisti contemporanei che le opere d'arte contemporanee infatti si prestano particolarmente per riflettere su temi di come sarà il futuro, come gestire il cambiamento continuo e come comprendere meglio l'evoluzione delle organizzazioni che affrontano il tumultuoso mondo del business globale e complesso. Personalmente ho trovato particolarmente stimolanti alcune delle opere esposte nell'edizione di quest'anno della Biennale in relazione al tema della trasformazione e sviluppo delle organizzazioni.

Taus Makhacheva, Tightrope, 2015, Video HD, 58'10''


Nel video di Taus Makhacheva, Tightrope, vediamo Rasul Abakarov, discendente di una famosa dinastia di funamboli, mentre trasporta sessantuno copie d'arte provenienti dal Museo di Belle arti di Daghestan da uno scoglio di montagna altissima all'altra percorrendo su una fune quasi invisibile nel paesaggio circostante. Il panorama mozzafiato conquista lo spettatore con la sua bellezza mentre il peso delle opere trasportate nei miei occhi si traducono in simboli di equilibrio, rappresentano il sostegno che un bagaglio culturale di spessore può avere per le persone e per le organizzazioni. La cultura ci protegge, la conoscenza ci da delle armi in più per affrontare le sfide che troviamo di fronte a noi. D'altro canto da Finlandese trapiantata da tempo in Italia vedo come i miei colleghi e le organizzazioni Italiani facciano fatica a stare al passo dei tempi a causa di un'eredità importante e d'impatto, ma che a volte rende i soggetti lenti e poco aperti al cambiamento e al nuovo. Vedendo il funambolo Abakarov oscillare sulla fune con due quadri tra le mani penso come l'eredità culturale può portarci sulla via della sconfitta se diventa l'impedimento per inventare il nuovo in un mondo che cambia, per il progresso. La domanda che mi pongo davanti a questa opera è come rendere l'asset della cultura una risorsa che crea valore a tutti noi invece che un peso e un'elemento di disequilibrio che rischia di farci cadere giù negli abissi? 

Hale Tenger, Balloons on the Sea, 2011, videoistallazione a sette canali, 5'40''

Hale Tenger presenta nella mostra dell'Arsenale un'istallazione multi schermo di video di palloncini che nuotano sull'acqua. Su un lato della stanza vediamo tanti palloni legati uno all'altro nuotando sull'acqua in un video "capovolto". Dietro la proiezione troviamo dei schermi più piccoli con i palloncini singoli che poco alla volta esplodono. Spesso nelle sessioni di coaching le persone parlano della incapacità di essere autentici quando sono in gruppo. L'istallazione mi fa riflettere su come essere fedeli a noi stessi e riuscire nello stesso tempo ad appartenere realmente a una squadra? Qual'è il comportamento che ci può permettere di vivere appieno ambedue le dimensioni?

Al Padiglione Centrale nei giardini trovo l'incantevole video di Sebastian Diaz Morales, Suspension, dove in un indagine tra realtà e finzione vediamo un uomo in sospensione all'interno di una nube di vapore che poco alla volta si trasforma in qualcosa che sembra un'universo acquatico di sfumature di giallo e arancione. Secondo la didascalia della mostra si tratta di "una sorta di allegoria all'uomo moderno che mentre precipita rimane di una passività imperturbabile." Quello che ci vedo io è un'uomo che parte da una posizione di rancore con mani chiuse come pronte a tirare un pugno e poi, attraverso lo svilupparsi della trama, si trasforma in un essere sempre più rilassato, che riesce a vedere al di la di se stesso. Questo è l'elemento che mi fa collegare l'opera a un percorso di coaching, visualizza il processo di trasformazione di una persona dove il protagonista alla fine trova una centratura e il proprio posto nel mondo in una dimensione di serenità con se stessi e con l'ambiente che lo circonda.


Biennale di Venezia

13/05/2017 - 26/11/2017

Venezia, Giardini e Arsenale



13.6.2019
Le tante facce della responsabilità
Georg Senoner

11.6.2019
What every HR director should know about coaching and mentoring strategy
David Clutterbuck

6.6.2019
Come decidiamo? Riflessioni sulla correlazione tra emozioni e pensieri
Georg Senoner

4.6.2019
The ROI of Mindfulness
Pamela Maguire

29.5.2019
KNOW YOUR OWN CULTURE TO WORK EFFECTIVELY WITH OTHERS: Interview by Anja Puntari with Tim Bright
Anja Puntari

23.5.2019
MANAGEMENT CONSTELLATION: Intervista a Georg Senoner
Performant

16.5.2019
LA SUPERVISIONE: Elemento di differenziazione
Alberto Camuri

9.5.2019
Leadership musicale e aziendale a confronto: Intervista a Andrea Porta
Performant

2.5.2019
COMPETENCY-BASED RECRUITMENT: Intervista a Pietro Ferrario
Performant

24.4.2019
Dalle caratteristiche vincenti della nostra specie al Mentoring
Carlo Boidi

18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità
Davide Merletto

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant