Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago
Ph.D. Direttore Scientifico SCOA

Nel mio nuovo ruolo di responsabilità scientifica, decido di visitare la Biennale di Venezia con gli occhiali di coach e, quindi, con una domanda: "Cosa può apprendere un coach dall'arte contemporanea?". Sul Freccia Rossa, che mi porta verso i Giardini della Biennale, trovo la rivista "La Freccia". Dall'articolo di Sandra Gesualdi, apprendo che Christine Macel, curatrice della 57ma Esposizione Internazionale d'Arte "Viva Arte Viva", non abbia voluto dare nessun fil rouge all'esposizione, ma predisporre un allestimento pullulante di energia, di individualità soggettive, di identità nazionali; un progetto che mettesse in rilievo la diversità dei singoli artisti e la complessità delle espressioni contemporanee. "Viva Arte Viva" (che come titolo campeggia in molti spazi dell'esposizione) nasce proprio dall'idea di dare voce, libertà e responsabilità a ciascun artista presente. Questo è il senso dell'umanesimo artistico che caratterizza l'esperienza dell'esposizione. La diversità esistenziale degli artisti si esprime nella scelta delle forme d'arte e del punto di vista, nella disposizione degli oggetti e delle installazioni, nella eterogeneità degli spazi di conoscenza che si offrono all'osservatore. Subito mi viene in mente che noi coach abbiamo a che fare con "l'arte viva" dell'essere umano, cioè con la materia preziosa e viva delle persone.

"I nostri coachee rappresentano la vera "arte viva". Tante opere d'arte della creazione, persone uniche e irripetibili, con limiti umani, ma anche con talenti nascosti da valorizzare".

In questo è il senso neo-umanistico delle organizzazioni: in un'attenzione maggiore alla persona, al suo potenziale, alla sua creatività e diversità soggettiva, e anche nell'uso delle discipline e delle arti liberali per favorire la crescita e la rieducazione degli uomini d'azienda. Perciò il coaching s'inscrive a pieno titolo nella curvatura umanistica delle organizzazioni, e quindi può essere colto facilmente nelle metafore e nella retorica dell'arte.

Confermato questo pensiero, la mia prima sfida alla Biennale è quella di non cedere completamente al godimento estetico che mi procura la bellezza dei Giardini di Venezia o il piacere dell'esperienza cameratesca dell'escursione in compagnia. Non voglio neppure conformarmi all'atteggiamento "visito-tutto-velocemente-e-fotografo", imperante tra i più del vernissage. Con un atto profondamente dadaista, in controtendenza rispetto alla fretta delle masse e agli assembramenti delle code, mi improvviso flâneur dei luoghi d'arte, e sosto immobile nei punti di osservazione che più catalizzano la mia attenzione percettiva. Mi isolo, talvolta, dalla piacevole compagnia, resto in silenzio, cerco di osservare i miei pensieri fino ad arrivare alla percezione dell'opera. Inaspettata, ma felicemente accolta, mi giunge una seconda illuminazione:

"Per entrare in relazione con il coachee, come con una stravagante installazione contemporanea, occorre innanzitutto disporsi in uno stato d'ascolto, distaccarsi dai pensieri, respirare e rilassarsi, fare silenzio e spazio dentro sé".

Infatti, abbiamo bisogno di un po' di raccoglimento interiore per disporci all'accoglimento esteriore. Fare spazio dentro di sé, per concedere spazio di relazione e tempo di ascolto all'Altro. Maurice Merleau-Ponty, nel libro Phénoménologie de la perception, sosteneva che "lo spazio è esistenziale e che l'esistenza è spaziale". E questo vale tanto per il corpo fisico che per il vissuto conversazionale.

La mia seconda sfida alla Biennale, ora, è quella di capire le opere contemporanee. Mi è sempre piaciuta l'arte visiva del Novecento. Oscillo gioiosamente tra il surrealismo di Magritte e la metafisica di de Chirico. Sono un appassionato di pittura e...., in realtà, non riesco ad apprezzare molte espressioni dell'arte contemporanea - che in alcuni casi trovo ostentatamente eccessive, quasi fossero fatte per il solo gusto di provocare e di apparire. Consapevole di ciò, mi dico che qualcosa di buono troverò anche in questa esperienza. Leonardo Rotatori, presidente della i-AMF (Italian Art Motherboard Foundation) con cui SCOA - The School of Coaching è in partnership per la Biennale, è la nostra autorevole guida e ci introduce alla visita dei padiglioni nazionali, predisponendo la nostra attenzione alla cultura artistica rappresentata in ciascuno di loro.

Così mi avvicino all'esperienza dei padiglioni nazionali, con l'atteggiamento di ascolto dell'identità culturale, dei valori, dell'estetica di quei luoghi geografici e di quel gruppo di artisti, cercando di comprendere anche le loro differenti poetiche soggettive. Entro nei padiglioni, ma l'arte contemporanea non mi giunge subito, abituato come sono ad approdare scientificamente alla conoscenza. Per apprezzare, prima devo capire. E le mie categorie, i miei modelli, la mia conoscenza vacillano di fronte all'apparente "illeggibilità" di alcune opere e installazioni. La mia amica artista e collega coach, Anja Puntari, mi rassicura e mi fa riflettere: capisco che l'arte contemporanea non arriva subito, che non si manifesta con un significato chiaro e immediato, comprensibile tout court dalla mia parte razionale. Piuttosto mi catapulta in un mondo di emozioni e di esperienze che lasciano un segno, a volte anche non comprensibile consciamente. Emerge un altro pensiero:

"Nella relazione con il proprio cliente, ogni coach deve essere educato all'ascolto e all'emozionalità, ossia deve ascoltare l'Altro con il cuore e con la mente, sempre integrati tra loro".

Mi rendo conto che le mie pre-immagini, i miei pensieri e i miei pregiudizi estetici mi impediscono di aprirmi pienamente all'emozione dell'incontro con l'opera. Di fronte a questa ennesima installazione contemporanea che mi appare di fronte, sono determinato, però, a limitare l'influenza delle mie credenze su quello che sto vedendo, ascoltando e toccando. Cerco di guardare l'opera, ma continuo a vedere il riflesso del mio volto su di essa. Mi torna in mente Magritte, con il "problema della finestra", a rammentarmi che noi vediamo solo la nostra rappresentazione mentale della realtà. Lotto con questa idea. Facendo appello all'epochè fenomenologica, "sospendo il mio giudizio", ossia cerco di mettere tra parentesi quello che penso io, le mie reazioni e risonanze personali, e provo a vedere cosa c'è dall'altra parte di me. Ecco, confermo un altro apprendimento sul coaching.

"Come nell'arte contemporanea, anche nel coaching, per entrare in relazione con il cliente, bisogna, innanzitutto, rispettare il suo modo d'essere, il suo stile personale, i suoi valori e le sue credenze, aprendosi con flessibilità a modi diversi di vedere la realtà e di vivere la vita". 

E quand'anche sentissimo il peso dei nostri giudizi o delle nostre emozioni, dovremmo imparare a discernere cosa appartiene a noi e cosa viene dall'altro.

Da "uomo di scienza" rievoco finalmente Carl Rogers, con la sua psicologia umanistica centrata sul Cliente, e mi ricompaiono alcune sue parole chiave che valgono anche nel coaching: a) congruenza del vissuto del terapeuta con quanto si comunica al cliente (vedi l'ascolto di sé del coach durante i colloqui e l'uso del feedback, quando è nell'interesse del coachee); b) accettazione incondizionata (non approvazione) dell'Altro (vedi la capacità di non giudicare del coach, il rispetto della diversità del coachee e la valorizzazione della sua capacità di auto-regolazione); e c) empatia col cliente (vedi capacità di ascoltare le emozioni del coachee e di non identificarsi con esse, in un sequestro emotivo del coach).

Nella mia camminata tra i padiglioni incontro un performer: immobile, di fronte a un alto e largo muro bianco, testa china in avanti, uno zaino nella mano sinistra, con un giubbetto catarifrangente rosso, con la scritta "Future?". "Non capisco, ma mi adeguo", diceva qualcuno. Allora, a qualche metro di distanza da lui, assumo la sua stessa posizione e mi apro all'ascolto, all'ascolto di quello che lui o che la sua performance vuole dire a me. Mi giungono sensazioni oppressive e di disturbo, prima, emozioni di ansia e tristezza, poi, e infine mi afferro alla metafora che mi porta i significati che aspettavo!

Contento di "aver trovato il metodo", mi sposto e mi avvicino a dei giganteschi gomitoli coloratissimi, grandi quasi quanto un essere umano ("Sheila Hicks, "Scalata al di là dei terreni cromatici", 2016-2017): ce ne sono tanti, tantissimi, tutti appoggiati ad un imponente muro interno del padiglione espositivo. Mi rimetto a un certa distanza, in silenzio, guardo, uso gli stessi schemi di prima ma... non sento, non mi emoziono e non capisco. Ci riprovo: una, due, tre volte... ma niente! Capisco una difficile verità: quello che ci aiuta a dialogare con un'opera non ci serve per "ascoltare" la successiva! In termini più scientifici potrebbe suonare come segue: "L'architettura plastica della mediazione sinaptica, costruita per percepire un oggetto fenomenico, non produce economie di percezione e di significazione rispetto a oggetti di forme differenti". Ovvero: ogni conoscenza è situata, contestuale e personale. Di conseguenza:

"Ogni cliente è un complesso mondo a sé, con linguaggi, codici, e significati propri. Il coach ha l'obbligo (e il piacere), ogni volta, di fare la conoscenza del suo cliente e di imparare a riconoscere significanti (parole, gesti, esteriorità) e significati specifici, per poter offrire il suo accompagnamento professionale".

Di opera e in opera (come di coachee in coachee), quello che come coach sto davvero imparando è di rendere plastica la mia cognizione, ossia: sto diventando più flessibile, più capace di adattarmi di volta in volta alle situazioni, sono sempre più in grado di accogliere la diversità, sto riuscendo, cioè, ad "apprendere ad apprendere", e quindi a cambiarmi.

La mia prima giornata a Venezia sta volgendo al termine. Grato dell'esperienza fatta, mi dico un'ultima cosa: sono venuto con l'intenzione di "capire" l'arte contemporanea, ma me ne sto tornando con la conoscenza che ho fatto di me stesso, e con gli apprendimenti che ho maturato. Jacques Marie Émile Lacan, famoso psicoanalista studioso di arte, diceva:

 «L'interpretazione di un'opera d'arte non è svelamento di verità, ma ricerca soggettiva di senso».

Così, allo stesso modo, possiamo dire che, come coach, le conversazioni che abbiamo con i nostri coachee ci aiutano a conoscere e, auspicabilmente, ad aiutare loro, ma certamente ci aiutano a conoscere di più noi stessi, e a crescere e ad affrontare diversamente il nostro stesso cammino di vita.


Emilio Rago, Ph.D.

Direttore Scientifico SCOA - The School of Coaching


Altri articoli correlati

"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia di Anja Puntari



18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità
Davide Merletto

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant