Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti
Executive Business Coach, Managing partner e Docente SCOA

Anja Puntari
Senior Business Coach, Partner e Docente SCOA


Nel precedente post intitolato "Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro" abbiamo scritto che l'automatizzazione delle competenze nel futuro prossimo a nostro avviso è poco probabile. Condividiamo infatti il pensiero che saranno sempre di più le soft skill a fare la differenza sia nel risultato individuale che organizzativo. Dal territorio globale di World Economic Forum, che ha pubblicato la top 10 delle competenze soft più importanti nei prossimi anni, ci spostiamo ora su una dimensione nazionale: quali sono le competenze su cui i nostri clienti ci hanno chiesto di lavorare  maggiormente nel 2017? Qual'è il quadro che emerge da questo spaccato di esperienza che ha coinvolto tutti i Business Coach di Performant by SCOA? Cosa si può ricavare da questa osservazione in presa diretta dalle aziende con cui lavoriamo?

Intanto la prima competenza che emerge è senz'altro la resilienza. E' del tutto evidente che tante aziende che operano in Italia, siano esse nazionali o multinazionali, escono da un periodo di grave difficoltà e questo passaggio ha segnato le organizzazioni. Si percepiscono in modo evidente le  fatiche che hanno dovuto affrontare e a volte anche delle ferite persistenti che richiedono ancora tempo per essere curate. Seppur l'economia abbia messo a segno una chiara inversione di tendenza ed in alcune aree come quella milanese sia oggettivamente ripartita, da un lato il ricordo dei giorni di difficoltà è ancora presente nella memoria di tanti; dall'altro la nuova corsa sta già creando nuove sfide. Sfide che si combinano a storici ostacoli che il sistema non ha (ancora) rimosso. I ritmi risultano oggi ancora più frenetici di qualche tempo fa e quindi gli ostacoli di sempre sembrano più ravvicinati l'uno all'altro. La scarsa propensione ad innovare in modo sistematico e consapevole (a parte il fenomeno dell'industria 4.0) rende oneroso scaricare a terra il rinnovato spirito competitivo in termini di risultati. La difficoltà di rendere strutturale un significativo incremento delle produttività mette alla prova non solo la resilienza degli individui e delle organizzazioni ma anche la vera e propria resistenza ai carichi di lavoro.

In questo contesto la vera natura della resilienza emerge come forte tratto distintivo, facendosi valere per la sua dote di anti-fragilità: ovvero per la capacità di superare ed "assorbire" situazioni di shock evolvendo la modalità comportamentale per renderla più idonea e consona al mutare delle condizioni ambientali.

Così tutti coloro che dimostrano di saper assorbire, metabolizzare, elaborare ed evolvere i propri comportamenti  anche a fronte di urti estremi trovano sempre maggiore spazio nelle gerarchie aziendali e acquisiscono la consapevolezza di poter mettere in campo prestazioni di livello superiore anche in situazioni estreme.

L'osservabile efficacia dei loro comportamenti comincia ad essere coltivato dalle organizzazioni come "role model" e la diffusione di questi comportamenti sia che avvenga per via imitativa che per via maieutica viene sostenuta dalle organizzazioni che intendono mettere a segno progressi distintivi rispetto alla concorrenza.

Come Business Coach noi lavoriamo sempre per abilitare una trasformazione comportamentale. Questo vuol dire intervenire sull'agire osservabile dei singoli e dei team. Osservabilità che è magistralmente rappresentata dal "Paradise bird", il piccolo volatile sudafricano che prima prepara la scena di corteggiamento e poi mette in pratica un ballo con lo scopo di coinvolgere la femmina, dando per acquisto che lei, appunto, lo possa osservare.

Una danza che, esattamente come per i comportamenti aziendali, oltre ad essere eseguita implica l'osservazione di un terzo, ovvero una forma di relazione senza la quale viene meno l'efficacia stessa dell'azione.


Cosa vuol dire quindi essere resilienti se lo leggiamo come un comportamento che si esprime  in una dimensione relazionale? 

Secondo il dizionario  delle competenze di SCOA - The School of Coaching i comportamenti resilienti possono essere così descritti:

  1. Raccoglie e osserva i segnali che preludono ad eventi traumatici, verificando e censendo le risorse disponibili per affrontarli.
  2. Raccoglie e riorganizza le risorse disponibili a seguito di uno shock per utilizzarle in un nuovo piano di azione.
  3. A seguito di un evento grave, lavora per far evolvere la propria situazione e per sostenere l'evoluzione del sistema che lo circonda al fine di acquisire una condizione migliorativa e/o di vantaggio. 
  4. Si mantiene preparato e vigile, in modo da poter affrontare eventuali momenti di shock, per poi poterli sfruttare a vantaggio del proprio sviluppo e della propria crescita.
  5. Elude o assorbe l'impatto di eventi significativi in modo attivo, utilizzando il sapere messo a disposizione dalla propria e dall'altrui conoscenza. 

Nel corso del 2017 abbiamo potuto testare quanto quest'ultimo comportamento sia risultato particolarmente rilevante nel governare situazioni critiche inattese.  Eludere o assorbire l'impatto di eventi percepiti come "traumatici" si è rivelato vincente in termini di prestazioni e la via che ha condotto alla messa in pratica di tali comportamenti ha seguito un percorso anche emotivo.

La capacità di accogliere, digerire, elaborare e socializzare l'impatto emozionale di questi eventi ha reso capaci le persone di mettere in azione nuovi comportamenti, trasformandoli in soggetti più resilienti, decisamente più maturi e consapevoli delle risorse di cui dispongono. 

In questo senso la dimensione comportamentale ha messo a frutto la capacità di trasformare in modo costruttivo quella emotiva; così come la prestazione individuale ha beneficiato di un processo di condivisione e socializzazione del sentito dei singoli.

Un intreccio ed un processo efficace, vincente che abbiamo potuto osservare anche in alcune tra le altre più frequentate competenze del 2017 e di cui racconteremo in un prossimo post. 

Questo blog post è stato redatto a quattro mani insieme all'artista e visual business Coach Anja Puntari



13.6.2019
Le tante facce della responsabilità
Georg Senoner

11.6.2019
What every HR director should know about coaching and mentoring strategy
David Clutterbuck

6.6.2019
Come decidiamo? Riflessioni sulla correlazione tra emozioni e pensieri
Georg Senoner

4.6.2019
The ROI of Mindfulness
Pamela Maguire

29.5.2019
KNOW YOUR OWN CULTURE TO WORK EFFECTIVELY WITH OTHERS: Interview by Anja Puntari with Tim Bright
Anja Puntari

23.5.2019
MANAGEMENT CONSTELLATION: Intervista a Georg Senoner
Performant

16.5.2019
LA SUPERVISIONE: Elemento di differenziazione
Alberto Camuri

9.5.2019
Leadership musicale e aziendale a confronto: Intervista a Andrea Porta
Performant

2.5.2019
COMPETENCY-BASED RECRUITMENT: Intervista a Pietro Ferrario
Performant

24.4.2019
Dalle caratteristiche vincenti della nostra specie al Mentoring
Carlo Boidi

18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità
Davide Merletto

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant