Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari
Senior Business Coach, Partner e Docente SCOA

[Ivana Adaime Makac - Rééducation, 2009- presente, Bachi da seta, gelso, legna, plexiglas, dimensioni variabili]

Nell'estate tra il primo e il secondo anno di liceo ho cominciato il mio primo lavoro estivo in un punto vendita di una catena finlandese, R-Kioski, che vende giornali, tabacchi, lotteria e caramelle. Come ogni primo posto di lavoro full-time, quell'esperienza mi ha insegnato un bel po' di cose nuove. Il turno di mattina e la chiusura serale venivano gestiti con la presenza di un unico operatore, mentre nelle ore centrali della giornata, ovvero il momento di maggiore afflusso, eravamo sempre in due dentro la tabaccheria.

Una dei colleghi con cui condividevo la mezza giornata dietro al bancone era arrivata quasi alla soglia della pensione. Aveva lavorato in azienda per più di trent'anni stando sempre diligentemente alla cassa a servire i clienti. Proprio quell'estate quando ho cominciato io, l'azienda ha deciso di cambiare le casse, passando da quelle analogiche, dove il prezzo del prodotto era battuto a mano, ad un sistema computerizzato con il lettore del codice a barre. Se qualcosa andava storto o il cliente cambiava l'idea a metà acquisto, bisognava saper operare in modo da risolvere il problema con una serie di operazioni sul computer di cassa. Per la mia mente giovane dell'epoca, imparare a gestire quel processo, cioè arrivare con una relativa facilità a saper usare il nuovo sistema casse, ha comportato circa due giorni in affiancamento e forse altri due giorni per farci l'abitudine. Per tutta l'estate ho invece assistito la collega più anziana che provava in tutti i modi a diventare padrona del nuovo mezzo. La cosa che mi è rimasta impressa era il livello di ansia (e a volte di rabbia) con cui affrontava il sistema della cassa. Al termine di quella lunga estate, eravamo tutti giunti alla medesima conclusione: meglio che lei andasse in pensione con qualche mese di anticipo.

Questo episodio non credo sia così insolito. Viviamo in un epoca in cui l'ambiente che ci circonda è in costante cambiamento. La crescita e la trasformazione fanno parte dell'evoluzione e della natura dell'uomo, ma la differenza della nostra epoca in confronto alle precedenti è la velocità del cambiamento. Durante il nostro percorso lavorativo, dobbiamo adattarci a sistemi e mezzi tecnologici che cambiano, ma anche a dei modelli comportamentali e organizzativi con logiche diverse. Quello che funzionava ieri, non necessariamente funzionerà domani. Facciamo spesso fatica a stare in quel processo di trasformazione che ci viene richiesto dalla nostra organizzazione e dal mercato affamato di innovazione. E più passano gli anni, più avanti siamo nel nostro percorso lavorativo, più facciamo fatica a cogliere il cambiamento.

Il mercato dell'innovazione richiede quindi creatività e abilità ad imparare. Da vent'anni si parla di Lifelong Learning, cioè l'acquisizione di conoscenza che accade durante tutto l'arco della vita. Ci serve quindi sapere come stare nel costante apprendimento.

L'adulto costruisce su un bagaglio di esperienza di vita vissuta

Imparare in età adulta funziona diversamente da quando si è bambini. L'adulto spesso non impara mimando, è fortemente condizionato dalla motivazione e connette il proprio apprendimento a un portato di vissuto e sapere esistente. Non è un "secchio vuoto" come il giovane o il bambino. Ogni cosa nuova viene inserita in un esistente che già occupa lo spazio della mente. E' come se la stanza in un certo senso fosse già piena e quindi inseriamo cose nuove più lentamente.

Imparare nel caso dell'adulto vuol quindi dire costruire su un qualcosa di esistente e spesso consiste nel mettere quell'esistente in discussione. Apprendere per un migliore risultato di business vuol dire effettuare un cambiamento comportamentale. Più di successo è l'individuo in questione, più fa fatica a mettere in questione i modus operandi che l'hanno portato alla vertice. Perciò quell'esistente spesso porta a un "giudizio" che ne impedisce l'apprendimento.

Il giudizio ci condiziona in due diversi casi:

  • Un approccio iniziale del tipo: "Questa nuova cosa non mi piace. Era meglio come facevamo prima". 
  • In un secondo caso l'ostacolo può essere un pensiero di tipo: "Non so fare questa cosa. Non sarò mai capace!".

Ambedue gli approcci rappresentano chiusura e, ovviamente, sono un grande impedimento all'apprendimento.

Evitiamo l'errore perchè arriva insieme a un bagaglio di emozioni scomodi

Un mantra ripetuto in non poche conferenze e articoli sull'innovazione, apprendimento e creatività è che l'errore fa parte del processo di creare qualcosa di nuovo. Bisogna permettere alle persone di fare errori per poter fare passi in avanti. A parte che questa lode dell'errore è ingenua perchè poi in termini pratici sono poche le organizzazioni e pochi i capi che desiderano che le persone che guidano facciano errori, anzi, tutt'altro, se vogliamo guardare dentro il concetto dell'errore, quello che occorre comprendere è come gestire l'emozione che ne deriva, poiché nell'adulto, a differenza del bambino, l'errore genera una gamma di emozioni difficili da gestire.

Perché? Perché veniamo da un percorso scolastico che è stato fortemente cognitivo e mnemonico. Il modello di apprendimento che abbiamo acquisito è "memorize and check", "reward and punish", invece che trial and error. Abbiamo imparato che esiste un modo giusto, una risposta giusta e miriamo con i nostri comportamenti a quello.

L'apprendimento in età adulta non è più focalizzato sulla risposta giusta e sul memorizzare. Implica invece uno sforzo di riflessione sulle diverse possibilità; per poi sceglierne quello che si ritiene la migliore. Non sempre la risposta è unica, ma semplicemente è quella su cui intendiamo di orientarci. La vastità di possibilità comporta con sé anche un'aumentata probabilità di errori.

Imparare significa, quindi, in primis avere il coraggio di provare, andare al di fuori della nostra zona di comfort. ? in questo luogo, in questo preludio all'apprendimento, che le nostre emozioni si accendono. Ecco perché è troppo semplicistico affermare: "impara dai tuoi errori". Imparare dagli errori significa, nella maggior parte dei casi, affrontare una varietà di sentimenti: dalla vergogna al dolore, dall'ansia alla paura (che onestamente si affrontano ben poco volentieri).

Le emozioni della nostra zona di comfort

Se da un lato il pericolo di entrare in contatto con emozioni poco piacevoli diventa impedimento nell'uscire dalla nostra zona di comfort, dall'altro a volte vogliamo rimanere nell'emozione che abita la nostra zona di comfort. C'è un'assuefazione confortante alle emozioni delle situazioni a cui siamo abituati, paradossalmente anche quando esse non sono né confortevoli né piacevoli. L'area di comfort è piena di emozioni che siamo abituati a frequentare. Che le consideriamo piacevoli o no, sono diventate parte di noi e, la maggior parte delle volte, anche quando ci rendiamo conto che diventano distruttive, non riusciamo ad uscirne lo stesso. Si tratta di innamorarsi del proprio sequestratore. In primis, siamo vittime di noi stessi. 

Dis-addomesticazione come comportamento

L'artista contemporanea Ivana Adaime Makac realizza, in un progetto intitolato Réeducation, un'attività di disaddomesticazione dei bachi da seta. Questi insetti, nel corso del tempo, hanno perso la loro capacità di volare in funzione al processo di addomesticazione fatto dall'uomo per produrre i bozzoli di seta. Nella sua opera utopistica, l'artista argentina mette a disposizione la possibilità ai bachi di nutrirsi dalle foglie di gelso e propone loro strutture alternative a quelle usate solitamente. Qui, i bachi possono inserire i loro bozzoli per poi mutare in farfalle. Imparare in età adulta significa disaddomesticarci dalle nostre abitudini solite e metterle in discussione con la probabile conseguenza di dover frequentare un territorio di emozioni nuove. Imparare non è, quindi, solo la capacità di pensare al nostro fare in termini razionali, ma significa anche applicare un livello avanzato di intelligenza emotiva, cioè la capacità di riconoscere, nominare e trasformare le emozioni che sentiamo. Ma se ci riusciamo possiamo prendere il volo.


18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità
Davide Merletto

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant