Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant
by SCOA

Alex Viola è un manager bancario con una grande predisposizione per lo sport. Sin da ragazzo si appassiona alla chimica, approfondendo e studiando la composizione degli alimenti e le reazioni che gli stessi producevano all'interno del corpo umano. Dall'esperienza maturata nella preparazione atletica in sistemi di difesa israeliani e dallo studio approfondito dell'alimentazione alcalina, ha ideato un Esclusivo protocollo che utilizza semplici a-limenti ed e-lementi naturali denominato "Alkaenergy™".

Nell'ultimo quinquennio, dopo averlo inventato, perfezionato e lungamente testato su sé stesso, ha potuto aiutare molte persone a riacquisire energia e resilienza attraverso l'alcalinizzazione. Noi di Performant by SCOA l'abbiamo incontrato per chiedergli qualcosa di più sul suo progetto.

1- Parlaci del protocollo Alkaenergy, in cosa consiste e come sei arrivato alla sua ideazione?

Alkaenergy è uno stile di vita, appreso in Israele, dopo tanti anni di frequentazione nei kibbutz per motivi di allenamento ed è in grado di  insegnare alle persone il ripristino del livello di alcalinità del sistema linfatico, generando un notevole incremento  di energia e  ben-essere fisico  in generale.

L'intuizione del protocollo è frutto dell'esperienza maturata in vari kibbutz differenti. Le  antiche conoscenze acquisite,  migliorate e riordinate con le più moderne tecniche di alcalinizzazione ora possono essere usufruite dalla persone quali manager, imprenditori, professionisti, sportivi e non sportivi per migliorare le loro performance. In soli 15 minuti di tempo al mattino si imparano alcuni passaggi elettro alcalini finalizzati a creare e produrre circa il 50% dell'energia elettrica necessaria durante la giornata. 

2 - Come può cambiare la vita alcalinizzare il sistema linfatico? 

Il protocollo Alkanergy permette alle persone di interpretare uno stile di vita particolarmente intenso, energetico così come inteso in senso etimologico dagli antichi greci. Essi quando si riferivano alla dieta la intendevano semplicemente come stile di vita. Le conoscenze trasferite con il protocollo Alkaenergy rendono le persone consapevoli e maggiormente libere di poter incrementare la propria personale catena del valore: più energia, più tempo, più relazioni e più business! 

3- è un programma difficile da seguire? È difficile mantenerlo nel tempo? 

Il protocollo Alkaenergy consiste in un periodo di due mesi di supporto alla persona , suddiviso in quattro moduli quindicinali che iniziano ognuno con una videocoaching individuale, finalizzata ad insegnare una progressiva deacidificazione dell'organismo. L'obiettivo tra i vari è integrare la tradizionale colazione oltre ad esempio a rimuovere i metalli pesanti e il glutine. I nostri clienti, da anni , una volta apprese queste tecniche, le personalizzano e le mantengono con grande soddisfazione. 

4 - A tuo parere, in che modo influisce l'alimentazione sulla performance lavorativa?

Noi siamo ciò che mangiamo (Ippocrate). Riordinare alimenti ed elementi naturali in maniera maggiormente consapevole rispetto all'impatto che hanno sull'acidificazione del metabolismo permette di incrementare efficacemente e rapidamente la capacità di generare e mantenere l'energia necessaria ad affrontare le sfide e lo stress che caratterizzano le nostre giornate. 

5 - Che stile di vita segue, secondo te, una persona che ha eccellenti performance lavorative? 

Ritengo che 4 siano i pilastri che dovremmo cercare di  bilanciare tra vita lavorativa e vita personale. In particolare: benessere psicofisico, focus nell'ambito lavorativo, continuo studio con mente aperta al cambiamento e coltivazione del bello, dell'arte e della propria spiritualità. 

6 - Che ruolo ha avuto il coaching nel tuo successo professionale?

In un momento di cambiamento della mia vita, ho intrapreso un percorso di coaching individuale con Roberto Degli Esposti di SCOA - The School of Coaching - al fine di riequilibrare un po' i pilastri della mia esistenza. Dalla meravigliosa esperienza, in estrema sintesi, di supporto e affiancamento, ho avuto il Dono di far emergere competenze, talenti ed attitudini che possedevo, ma non erano espresse. In particolare, le tecniche di alcalinizzazione acquisite in Medio Oriente, da me considerate normalità, grazie al punto di vista terzo di un Business Coach sono diventate il terreno dal quale sono germogliate le competenze che hanno portato all'ideazione del protocollo Alkaenergy che oggi tutti noi conosciamo.

 

7- Quale competenza è stata fondamentale nel tuo percorso lavorativo?

Iniziai il percorso di Coaching senza un vero obiettivo di ottenimento di un risultato specifico. Ero pronto a scoprire cammin facendo il da farsi senza pregiudizi. Il supporto, lo scambio intellettivo, con una persona di talento e di equilibrio, mi ha permesso di far emergere elementi di creatività che avevo sottovalutato o non posto in giusta considerazione forse a causa del mio curriculum economico e aziendale. Sono stato supportato nel guardare oltre, nel mettere in discussione lo schema. La creatività è diventata dunque la competenza da sviluppare.

8 - Qual è stato il ruolo dell'allenamento nel tuo percorso?

Nella vita personale e lavorativa, ho imparato che senza passione non c'è allenamento; e senza allenamento non ci sono risultati. Il focus sulla capacità di coniugare passione ad attività è la chiave per il  successo, in tutti gli ambiti e non solo economico, per ogni attività che siamo chiamati a svolgere durante le varie fasi della vita. 

9 - Ci sono delle competenze che credi che il programma Alkaenergy possa migliorare nel consumatore? 

Oltre l'energia derivante da un incremento dell'efficienza del metabolismo basale ed il ritrovato ben-essere conseguente alla disinfiammazione tipica dell'organismo conseguente all'alcalinizzazione, il protocollo Alkaenergy dona alle persone maggiore resilienza e capacità di recupero fisico-muscolare. 

10 -  Quale è la tua prossima sfida? 

Mantenere la mente aperta da schemi e preconcetti precostituiti, per cogliere le opportunità che la vita ci riserva e soprattutto poter continuare a donare ben-essere e energia alle persone




18.4.2019
L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Alessandra Venco

11.4.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Organisational Coaching
Carlo Boidi

4.4.2019
Confusione da internet: Quando ai meeting chattiamo col partner e, insieme ai figli, parliamo col capo
Matteo Fumagalli

28.3.2019
Essere Business Coach: Sei domande a Roberto Degli Esposti
Performant

21.3.2019
L'ORGANIZZAZIONE CHE SI AUTO-DIREZIONA: alcune riflessioni sulle e per le aziende
Patrizia Fagnani

14.3.2019
CASO DI STUDIO: PROGETTO ‘I TIMONIERI DI HUMAN COMPANY: Il Mentoring per il "Talent Management"
Matteo Perchiazzi

7.3.2019
Essere Business Coach. Sei domande a Anja Puntari
Performant

27.2.2019
Il ROI della mindfulness
Pamela Maguire

21.2.2019
Essere un Team: il confine sottile tra alleanza e rivalità
Davide Merletto

14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant