Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti
Executive Business Coach, Managing partner e Docente SCOA

Parlare di organizzazione in azienda è da molti ritenuto uno degli argomenti più affascinanti e "strategici" in assoluto. Io per primo mi schiero tra i molti che hanno maneggiato per studio e per mestiere questo argomento e ogni volta che mi è capitato di essere nella posizione di prendere decisioni in merito ho provato uno strano gusto dolceamaro.

Dolce all'idea di aver dato un contributo affinché le cose funzionassero meglio rispetto al passato; amaro perché ho sempre pensato "la prossima soluzione sarà ancora migliore!". La prossima.

Nel discorrere con molti Executive che ho il piacere di frequentare mi pare di rilevare che non sono il solo a vivere questa sensazione. Allo stesso tempo la velocità e la frequenza con cui si succedono le revisioni organizzative mi fanno supporre che il migliore per salutare uno di loro che non vedo da un po' sia , invece del solito "come stai" un più appropriato? "come va la riorganizzazione?".

L'organizzazione 4.0 è stato l'oggetto del recente convegno di Sviluppo e Organizzazione promosso da Este Edizioni. In quella sede, ho avuto il privilegio di presentare sul tema un punto di vista alternativo, ma verso il quale sia in quella sede che in altre ho potuto rilevare un crescente consenso.

L'organizzazione, di fatto, si fa carico di colmare la distanza tra gli obiettivi aziendali rispetto alla loro messa in pratica, la loro trasformazione in valore.

In sistemi stabili, prevedibili, con una circoscritta variabilità delle dimensioni competitive e di prodotto e una ragionevole riconoscibilità delle potenziali minacce ed opportunità l'esercizio della stesura di una struttura organizzativa può risultare di una aggredibile complessità. Ma se così non fosse…

In realtà così non è. O non lo è più. Inutile disquisire qui di ciascuno degli elementi di complessità che nel quotidiano aggrovigliano l'esercizio del disegno organizzativo. Ma anche solo elencarli rende l'idea. La diversificazione dei mercati, sia geografici che di consumo; la molteplicità dei canali; la variabilità dei gusti dei consumatori, la velocità di sviluppo dei prodotti, le ottimizzazioni produttive sia in termini di localizzazioni che di approvigionamento. E la variabilità a cui sono sottoposte tutte queste dimensioni.

Se poi scendiamo da un livello organizzativo strutturale ad uno sui sistemi e sui processi la matassa si ingarbuglia ulteriormente, offrendo piena giustificazione alla fatica che manager e imprenditori provano nel cercare di indovinare una soluzione semplice puntuale ed eseguibile che scarichi a terra le potenzialità aziendali.

Ma ci sono alternative? Possiamo provare un altro punto di attacco? C'è un angolo alternativo sulla base del quale impostare una nuova logica organizzativa?

C'è. E questo angolo è sotto gli occhi di tutti: è intrinseco nei risultati individuali e organizzativi eccellenti. Questo angolo sono le competenze.

Le competenze, intese come i comportamenti organizzativi che differenziano le prestazioni di livello superiore da quelle standard offrono una potente alternativa alla logica organizzativa basata su posizioni e compiti.

Questa è di per sé una logica "performante", ovvero nativamente correlata alla capacità delle persone di mettere in esecuzione determinate modalità. E, quindi, di esaltarne il patrimonio di competenze disponibile oltre che di stimolarne lo sviluppo.

Disegnare le organizzazioni intorno alle competenze disponibili comporta una rilettura della finalità stessa della struttura organizzativa facendolo passare da strumento di ordine, controllo e comando a uno di abilitazione e sviluppo dei comportamenti efficaci. Da un logica burocratica di distinzione delle responsabilità a una situazionale, in cui leadership e followership vengono assegnate in base alle opportunità e alle competenze disponibili.


Certo, una rivisitazione così radicale trova facile opposizione in elementi logici e cognitivi oltre che nelle abitudini consolidate. Ma in realtà il principale ostacolo che blocca le organizzazioni nella sperimentazione e nell'applicazione di questa soluzione attiene ad una sfera più intima, sia a livello individuale che sociale. Attiene alla sfera emotiva.

Una soluzione organizzativa basata sulle competenze fa paura. Suscita paura, perdita di sicurezza, comporta la necessità di abbandonare convinzioni ma anche traguardi personali raggiunti al prezzo di severi sacrifici. E dunque comporta una naturale quanto potente resistenza.

Ma.

Ma pilotare soluzioni sperimentali è il sale della ricerca di nuovi vantaggi competitivi. Sono i territori inesplorati che riservano le migliori sorprese e, come diceva Martin Luther King " un giorno Paura bussò alla porta. Coraggio andò ad aprire e non trovo nessuno"

Forse è giunto il tempo per aprire questa porta.


14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant