Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco
Senior Business Coach, Partner e Docente SCOA

Quante volte vi sarà capitato di riflettere e dirvi "nonostante le competenze tecniche elevate quella persona non va bene", oppure di esservi trovati voi stessi nella situazione di avere tutta la preparazione tecnica per la nuova posizione per cui siete stati selezionati ma di non sentirvi a posto per quel contesto. Insomma, qualcosa sembra non funzionare, anche se tecnicamente siete preparatissimi. Al contrario può capitare che, nonostante la mancanza di alcune competenze tecniche, vi sentiate a vostro agio in quella nuova posizione: tutto funziona e state bene anche se vi manca un po' di know how tecnico. 

Queste provocazioni hanno a che fare con l'argomento del Competency-Based Approach applicato al processo di Recruiting & Selection, che abbiamo avuto l'opportunità di sperimentare con successo affiancando come Business Coach la Direzione Risorse Umane di alcune aziende clienti nell'applicarlo per la scelta di nuove persone da inserire. 

I presupposti su cui si basa il Competency Based Approach applicato alla Ricerca e Selezione delle persone sono due:

- I comportamenti messi in campo nel passato sono predittivi di quelli che verranno messi in campo dalle persone nel futuro in situazioni simili.
- A parità di competenze tecniche ed esperienza, ciò che fa veramente la differenza (in particolare per chi gestisce persone) e segna la linea di confine tra i best performer e gli average performer, sono le competenze comportamentali e quelle attinenti all'area relazionale (spirito di squadra, comunicazione interpersonale, ascolto, assertività...).
Si aggiungono quelle attinenti alla sfera di ciò che Daniel Goleman chiama intelligenza emotiva intesa come consapevolezza, alfabetizzazione e gestione della propria sfera emotiva e di quella degli interlocutori con cui si entra in contatto.

Ciò che mi sta a cuore è dare un'idea macro del processo. 

Una premessa: lavoriamo sempre a stretto contatto con il cliente utilizzando gli strumenti del Business Coaching. Partiamo proprio decididendo insieme al nostro cliente le competenze comportamentali chiave della persona da inserire partendo dai best performer in quella stessa posizione e dalle competenze distintive del contesto di riferimento in cui la persona è inserita. 

Rispondiamo alla domanda: i best performer per essere riconosciuti tali cosa fanno? Quali sono i comportamenti che mettono in campo nella loro posizione in modo più efficace rispetto alle altre persone nella stessa posizione? (Per la nostra esperienza si ricade al 95% dei casi su competenze relazionali o attinenti alla sfera emotiva, come dicevo sopra).
Dalla risposta, partiamo facendoci supportare dal Dizionario delle Competenze che noi, come SCOA, abbiamo ideato e progettato; oppure se il cliente ha un suo Dizionario delle competenze lo integriamo. Una volta chiarito questo punto e, quindi di trovare e competenze chiave ( di fondamentale importanza perché sono le fondamenta su cui si costruisce la casa: se le fondamenta non sono sufficientemente solide, la casa cade)  ci facciamo aiutare da società esperte di ricerca di personale a individuare dei candidati che a livello tecnico e di esperienza siano in linea : questo non è il nostro lavoro, per cui lo facciamo fare a chi eccelle in quest'area.  

Dopo che queste persone sono state sentite e testate per la parte relativa all'esperienza pregressa e alle competenze tecnicche  macro subentriamo noi che andiamo a "far emergere" con domande specifiche , esercizi sul campo e metodologie ad hoc (condivisi con il cliente)  i comportamenti chiave oggetto del nostro interesse. I feedback che ci sono arrivati dalle persone che hanno "provato" il nostro modello in diversi casi è stato "… non avevo mai fatto un colloquio così..." "… Vi ringrazio è servito anche a me al di là dell'esito…." Il processo non termina con l'inserimento della persona ma supportiamo il cliente con altri due incontri di induction coaching nei confronti del neoinserito dove riprendiamo le competenze e i comportamenti chiave oggetto dell'intervista e ne parliamo in questo caso anche con il candidato definendo insieme a lui alla Direzione HR e al capo le aree di sviluppo sulle quali poi possiamo valutare di far partire un percorso di coaching one to one .  Il servizio ha un costo un po' più elevato rispetto a quello standard perché ci sono diverse sessioni di coaching che attiviamo prima (con la Direzione HR) e dopo l'inserimento della persona ma i vantaggi che i clienti ci hanno segnalato fino ad ora sono diversi. Ve ne elenco alcuni  la persona entra nel nuovo contesto con una maggiore consapevolezza di dove si trova ed è operativa più velocemente , l'immagine dell'azienda nei confronti del mercato dei candidati ne esce enormemente favorita , il processo non finisce con l'inserimento del candidato ma c'è ancora un supporto nella fase iniziale , che consente di partire con un patto vero e proprio su cui è coinvolto non solo la persona ma anche il capo e l'HR e questo crea una potenza di fuoco per accellerare il processo di inserimento e l'operatività della nuova risorsa . Si tratta di un percorso di sviluppo anche per la Direzione HR, che viene accompagnata, in modalità coaching, a sperimentare provando questa metodologia : l'obiettivo nostro da coach appunto è quello di rendere autonoma la Direzione HR nell'applicare il modello su altri casi .

 Sulla base dell'esperienza ci sentiamo di consigliare questa metodologia in particolare per posizioni di leadership in qualsiasi ambito e soprattutto in un momento in cui l'azienda ha la necessità di inserire questo/i leader perché portino un cambiamento nel loro ambito di riferimento (entrare in un nuovo mercato, approcciare in un modo diverso il cliente, gestire in modo diverso lo sviluppo delle persone in azienda , ecc..).

Finisco dicendo provare per credere !


14.2.2019
Di cosa parliamo quando parliamo di Mentoring: intervista a Matteo Perchiazzi
Performant

7.2.2019
Quando la saggezza diventa protagonista in azienda
Carlo Boidi

31.1.2019
Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Performant

24.1.2019
Condurre al coraggio e con coraggio / Leading Courage With Courage
Paula Kuusipalo-Määttä

17.1.2019
Leadership, individuo e organizzazione
Gian Franco Goeta

10.1.2019
Quali sono le competenze da allenare nel 2019?
Performant

27.12.2018
Il futuro è reinventare adesso!
Roberto Degli Esposti

19.12.2018
Donare: a Natale e nel Coaching
Matteo Fumagalli

13.12.2018
Sei domande a Silvana Tacini: Com'è cambiato il Business Coaching nel tempo?
Performant

6.12.2018
Le esigenze dei millennial nel mercato lavorativo di oggi
Massimo Bonello

29.11.2018
Scegliere le persone con un approccio Competency - Based
Alessandra Venco

22.11.2018
L'organizzazione basata sulle competenze invece che sui compiti
Roberto Degli Esposti

15.11.2018
ORA: Il magazine che abilita la cultura del Coaching
Matteo Fumagalli

8.11.2018
Può una diga essere bella? Il movimento dello scavatore può raccontarci poesie?
Anja Puntari

1.11.2018
È ancora attuale il capo Coach?
Gian Franco Goeta

25.10.2018
Sulle competenze digitali
Rosalba Dambrosio

18.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri

11.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari

4.10.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Cristina Nava
Performant

27.9.2018
Intervista ad Alex Viola
Performant

20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli

13.9.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Monica Giacomini
Performant

6.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari

31.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai leader ai team member?
Carlo Boidi

24.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant

9.8.2018
La rivoluzione del ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Performant

2.8.2018
Realtà aumentata, una nuova frontiera del Coaching
Matteo Fumagalli

28.7.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Alessandra Venco
Performant

19.7.2018
Intelligenza emotiva e Leadership: Un binomio impossibile?
Performant

12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri Performant
Performant

5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 1): Cosa c'è di bello nell'essere un Team Coach?
Performant

21.6.2018
Career mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello

7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto

31.5.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Deborah Bianchi
Performant

25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti

17.5.2018
Non si può non comunicare
Alessandra Venco

10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri

3.5.2018
É anche un fatto di spogliatoio (Il team)
Roberto Degli Esposti

26.4.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Carlo Boidi
Performant

20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta

12.4.2018
Allenare le emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto

4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant

29.3.2018
La self-leadership
Alessandra Venco

21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli

8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta

1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant

23.2.2018
The post - Una lezione di leadership
Gian Franco Goeta

15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura
Carlo Boidi

8.2.2018
Alle radici dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta

1.2.2018
Essere Business Coach. Sei domande a Francesco Solinas
Performant

25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari

18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago

11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi

6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto

28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti

23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli

14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani

7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella

27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
Matteo Fumagalli

21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
Matteo Fumagalli

15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti

7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati

31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago

26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto

10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari

5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari

26.9.2017
Superare le impasse.
Performant

9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant

31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco

9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto

2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco

26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas

5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani

27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto

22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant

16.6.2017
Sulla Supervisione
Performant

6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas

1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago

19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto

12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari

21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari

13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani

6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto

30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari

23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck

16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti

9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck

23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto

17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani

10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck

7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti

2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto

17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas

11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari

29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti

20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant