Intervista ad Alex Viola

Intervista ad Alex Viola
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Alex Viola è un manager bancario con una grande predisposizione per lo sport. Sin da ragazzo si appassiona alla chimica, approfondendo e studiando la composizione degli alimenti e le reazioni che gli stessi producevano all'interno del corpo umano. Dall'esperienza maturata nella preparazione atletica in sistemi di difesa israeliani e dallo studio approfondito dell'alimentazione alcalina, ha ideato un Esclusivo protocollo che utilizza semplici a-limenti ed e-lementi naturali denominato "Alkaenergy™".

Nell’ultimo quinquennio, dopo averlo inventato, perfezionato e lungamente testato su sé stesso, ha potuto aiutare molte persone a riacquisire energia e resilienza attraverso l’alcalinizzazione. Noi di Performant by SCOA l’abbiamo incontrato per chiedergli qualcosa di più sul suo progetto.

1- Parlaci del protocollo Alkaenergy, in cosa consiste e come sei arrivato alla sua ideazione?

Alkaenergy è uno stile di vita, appreso in Israele, dopo tanti anni di frequentazione nei kibbutz per motivi di allenamento ed è in grado di  insegnare alle persone il ripristino del livello di alcalinità del sistema linfatico, generando un notevole incremento  di energia e  ben-essere fisico  in generale.

L’intuizione del protocollo è frutto dell’esperienza maturata in vari kibbutz differenti. Le  antiche conoscenze acquisite,  migliorate e riordinate con le più moderne tecniche di alcalinizzazione ora possono essere usufruite dalla persone quali manager, imprenditori, professionisti, sportivi e non sportivi per migliorare le loro performance. In soli 15 minuti di tempo al mattino si imparano alcuni passaggi elettro alcalini finalizzati a creare e produrre circa il 50% dell’energia elettrica necessaria durante la giornata. 

2 – Come può cambiare la vita alcalinizzare il sistema linfatico? 

Il protocollo Alkanergy permette alle persone di interpretare uno stile di vita particolarmente intenso, energetico così come inteso in senso etimologico dagli antichi greci. Essi quando si riferivano alla dieta la intendevano semplicemente come stile di vita. Le conoscenze trasferite con il protocollo Alkaenergy rendono le persone consapevoli e maggiormente libere di poter incrementare la propria personale catena del valore: più energia, più tempo, più relazioni e più business! 

3- è un programma difficile da seguire? È difficile mantenerlo nel tempo? 

Il protocollo Alkaenergy consiste in un periodo di due mesi di supporto alla persona , suddiviso in quattro moduli quindicinali che iniziano ognuno con una videocoaching individuale, finalizzata ad insegnare una progressiva deacidificazione dell’organismo. L’obiettivo tra i vari è integrare la tradizionale colazione oltre ad esempio a rimuovere i metalli pesanti e il glutine. I nostri clienti, da anni , una volta apprese queste tecniche, le personalizzano e le mantengono con grande soddisfazione. 

4 – A tuo parere, in che modo influisce l’alimentazione sulla performance lavorativa?

Noi siamo ciò che mangiamo (Ippocrate). Riordinare alimenti ed elementi naturali in maniera maggiormente consapevole rispetto all’impatto che hanno sull’acidificazione del metabolismo permette di incrementare efficacemente e rapidamente la capacità di generare e mantenere l’energia necessaria ad affrontare le sfide e lo stress che caratterizzano le nostre giornate. 

5 – Che stile di vita segue, secondo te, una persona che ha eccellenti performance lavorative? 

Ritengo che 4 siano i pilastri che dovremmo cercare di  bilanciare tra vita lavorativa e vita personale. In particolare: benessere psicofisico, focus nell’ambito lavorativo, continuo studio con mente aperta al cambiamento e coltivazione del bello, dell’arte e della propria spiritualità. 

6 – Che ruolo ha avuto il coaching nel tuo successo professionale?

In un momento di cambiamento della mia vita, ho intrapreso un percorso di coaching individuale con Roberto Degli Esposti di SCOA – The School of Coaching – al fine di riequilibrare un po’ i pilastri della mia esistenza. Dalla meravigliosa esperienza, in estrema sintesi, di supporto e affiancamento, ho avuto il Dono di far emergere competenze, talenti ed attitudini che possedevo, ma non erano espresse. In particolare, le tecniche di alcalinizzazione acquisite in Medio Oriente, da me considerate normalità, grazie al punto di vista terzo di un Business Coach sono diventate il terreno dal quale sono germogliate le competenze che hanno portato all’ideazione del protocollo Alkaenergy che oggi tutti noi conosciamo.

 

7- Quale competenza è stata fondamentale nel tuo percorso lavorativo?

Iniziai il percorso di Coaching senza un vero obiettivo di ottenimento di un risultato specifico. Ero pronto a scoprire cammin facendo il da farsi senza pregiudizi. Il supporto, lo scambio intellettivo, con una persona di talento e di equilibrio, mi ha permesso di far emergere elementi di creatività che avevo sottovalutato o non posto in giusta considerazione forse a causa del mio curriculum economico e aziendale. Sono stato supportato nel guardare oltre, nel mettere in discussione lo schema. La creatività è diventata dunque la competenza da sviluppare.

8 – Qual è stato il ruolo dell’allenamento nel tuo percorso?

Nella vita personale e lavorativa, ho imparato che senza passione non c’è allenamento; e senza allenamento non ci sono risultati. Il focus sulla capacità di coniugare passione ad attività è la chiave per il  successo, in tutti gli ambiti e non solo economico, per ogni attività che siamo chiamati a svolgere durante le varie fasi della vita. 

9 – Ci sono delle competenze che credi che il programma Alkaenergy possa migliorare nel consumatore? 

Oltre l’energia derivante da un incremento dell’efficienza del metabolismo basale ed il ritrovato ben-essere conseguente alla disinfiammazione tipica dell’organismo conseguente all’alcalinizzazione, il protocollo Alkaenergy dona alle persone maggiore resilienza e capacità di recupero fisico-muscolare. 

10 –  Quale è la tua prossima sfida? 

Mantenere la mente aperta da schemi e preconcetti precostituiti, per cogliere le opportunità che la vita ci riserva e soprattutto poter continuare a donare ben-essere e energia alle persone

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email