La fatica come dono, la passione come necessità

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Roberto degli Esposti (Executive Business Coach, Managing Partner e Docente SCOA) ha seguito, con il coaching, Alex Viola, inventore del protocollo AlkaEnergy.

I due hanno tenuto due discorsi interessantissimi sull’importanza dell’allenamento, della fatica e degli obiettivi durante il workshop “Affrontare Le Sfide”.  Coach e Coachee raccontano, dunque, la propria visione per ottenere benefici e successo nella vita lavorativa (e non solo): fatica, passione, perseveranza…

I due hanno tenuto due discorsi interessantissimi sull’importanza dell’allenamento, della fatica e degli obiettivi durante il workshop “Affrontare Le Sfide”.  Coach e Coachee raccontano, dunque, la propria visione per ottenere benefici e successo nella vita lavorativa (e non solo): fatica, passione, perseveranza…

“L’allenamento non è un ostacolo. Stare nella fatica è il segreto per ottenere dei risultati. Noi entriamo nella fatica quando stabiliamo una soglia oltre la quale c’è la sofferenza,  che non vogliamo affrontare. Difficile è entrare nella fatica, ma quando ci sei non è difficile rimanerci”. 

Quindi, BELIEVE. Credere è una cosa diversa da avere fede, che riguarda un’entità diversa, esoterica rispetto a noi. Credere significa che, quando siamo nella dimensione della fatica, crediamo che questo sforzo ci crei un vantaggio adesso e un beneficio più in là nel tempo. Credere consente al maratoneta di accelerare agli ultimi metri dal traguardo. Chi si mette in gioco, non rifugge la fatica: la accoglie e vi si immerge fino al tempo necessario. Arrivare all’obiettivo non significa, però, raggiungere l’Eden, poiché ci sarà un altro obiettivo da raggiungere.
Una volta compreso quest’insegnamento, si potrà diventare invincibili.

“Tutti voi avete dei talenti. Allenateli. Concentratevi sulla vostra passione, sarà il mezzo per raggiungere l’obiettivo. Viviamo in un’era in cui lo spazio e il tempo sono annullati. Se io volessi raggiungere un testo conservato alla biblioteca di Tel Aviv, non avrei bisogno di un aereo, posso farlo da un dispositivo mobile. Abbiamo più tempo, sfruttiamolo per le nostre passioni. L’uomo felice è colui che è in grado di far coincidere passione e lavoro.” 

Follow us
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email