L’approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching

L'approccio competency-based alla selezione? Un potente strumento di auto-osservazione, sviluppo e Coaching
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Credo fortemente che un approccio competency-based applicato alla scelta delle persone e poi all'induction siano efficaci strumenti di consapevolezza di sé, dei propri punti di forza e delle proprie aree di sviluppo. Questo in relazione al ruolo presidiato e al contesto organizzativo, già in fase di pre-inserimento in azienda. 

Sulla base dell’esperienza vissuta con la Direzione HR in diverse aziende, mi sono convinta del fatto che costituiscano il punto zero da cui iniziare per ragionare con la persona sui comportamenti da allenare al fine di una maggiore efficacia nel lavoro. È un insieme di strumenti su cui costruire un percorso di sviluppo strutturato che ha sempre, però, come tratto comune le competenze comportamentali chiave per il ruolo e i comportamenti a esse sottesi.

La persona stessa coinvolta nel processo di selezione, che nel linguaggio comune viene chiamata candidato (un nome che, vi confido, a me non piace) acquisisce lui/lei stesso/a questo modo di pensare. Fin dal primo incontro, infatti, viene stimolato a riflettere sui suoi comportamenti tipici rispetto alle competenze chiave che con l’azienda si è deciso di osservare.

Si tratta proprio di un diverso approccio che va poi coltivato e fatto crescere nell’organizzazione. Se a ciò poi si aggiunge, durante un colloquio successivo, l’auto-osservazione con il Business Coach dell’intervista videoregistrata, abbiamo uno strumento molto potente per stimolare la consapevolezza della persona.
Non abituata a vedersi da fuori, si auto-analizza supportata dalle potenti domande del Business Coach. Scopre aspetti o tratti che la caratterizzano e a cui mai aveva fatto caso.

Se vediamo in questa ottica l’intervista di selezione, da uno sguardo cioè fondato sulle competenze comportamentali, non si può non constatare che è già essa stessa un primo tassello di sviluppo che va verso una gestione integrata e armonica delle persone fin dalla fase di ingresso. Gli individui stessi entrano già in azienda con questa visuale e di conseguenza, se trovano terreno fertile, la chiedono e la coltivano.

Vi immaginate quanto questo approccio possa essere potente se diffuso in azienda una volta coltivato e fatto crescere? Vi immaginate quanto questo metodo alimentato dalle persone stesse, supportate in fase iniziale di induction da un Business Coach, possa essere un “facilitatore” per il lavoro dell’HR e per la diffusione della cultura del Coaching all’interno delle organizzazioni?

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email