La rivoluzione del ”System Coaching” e della qualificazione delle Competenze

La rivoluzione del  ''System Coaching'' e della qualificazione delle Competenze
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Il "System Coaching" (o Coaching di Sistema) rappresenta oggigiorno una delle più evolute e potenti applicazioni del coaching e nasce come sviluppo del coaching individuale.

Un esempio di System Coaching è emerso negli anni 90 in Vietnam quando, grazie all’applicazione di questa metodologia, si risolse il problema della denutrizione che colpiva il 65% dei bambini nel Paese. In particolare, si scoprì che a parità di risorse i figli di alcune famiglie non manifestavano problemi di denutrizione. Un’analisi di questi gruppi mostrò che avevano abitudini alimentari che rendevano l’apporto calorico più efficiente per i bambini. A seguito di tale conclusione, a queste famiglie venne affidato il compito di istruire le comunità dei villaggi su come utilizzare in modo ottimale il poco cibo a loro disposizione per l’alimentazione dei bambini. In due anni la malnutrizione diminuì dell’85%, senza alcun aiuto dall’esterno.

Come funziona il System Coaching?

Il System Coaching parte dall’osservazione che nei sistemi complessi quali l’intera popolazione di una nazione o di un’azienda ci sono caratteristiche che si possono descrivere con una distribuzione gaussiana o pseudo-gaussiana (ad esempio, la capacità delle famiglie Vietnamite di sfamare i propri figli). La casistica più grande sarà confinata intorno alla media statistica (l’area centrale del grafico):

Le situazioni che non rientrano in tale area si chiamano deviazioni: quella a sinistra corrisponde alla percentuale che esprime con frequenza minore la caratteristica oggetto di studio, mentre quella a destra la esprime maggiormente (le aree laterali del grafico). 

Il System Coaching parte quindi dal presupposto che si può catalizzare l’evoluzione e il progresso di un sistema complesso utilizzando come risorsa del sistema la parte della gaussiana che rappresenta il riferimento positivo, l’eccellenza, per spostare in seguito il valore medio di tutta la gaussiana. Come nel Coaching individuale, si lavora quindi sui punti di forza con il presupposto che il sistema ha in sé le conoscenze, capacità e risorse per raggiungere gli obiettivi.

SCOA ha implementato in alcune aziende clienti il Coaching di Sistema e la qualificazione delle competenze per supportare lo sviluppo autonomo di alcune loro competenze strategiche sull’intera popolazione aziendale. 

Cos’è la qualificazione delle competenze?

È un processo che porta a riconoscere ai singoli individui un determinato livello di acquisizione di una competenza rispetto ad una scala di riferimento quale, ad esempio, lo European Qualification Framework. La qualificazione è il risultato di un processo formale di valutazione e convalida, acquisito quando un’autorità competente e indipendente stabilisce che i risultati dell’apprendimento di una persona corrispondono a standard definiti.

La qualificazione assume un valore altamente formativo in quanto svolge la funzione di descrizione di un percorso personale, di consapevolezza dei progressi in forma di autovalutazione, di posizionamento personale in un sistema e in una progressione di apprendimenti System coaching e qualificazione delle competenze per lo sviluppo organizzativo. Il System Coaching e la qualificazione delle competenze consentono alle aziende di intraprendere un percorso di auto-sviluppo rispetto ad alcune competenze per loro strategiche. Si pensi alla resilienza nei processi di change management. 

 Il progetto generalmente si articola in quattro fasi:

 1 › In una prima fase l’azienda esegue una mappatura delle competenze individuando quelle presenti nella propria popolazione e definisce quali sono quelle strategiche per il business;

 2 › Si individua la porzione di popolazione aziendale nella quale questa competenza è più sviluppata (la deviazione positiva della gaussiana);

 3 › Si lavora con questo gruppo (i “champions”) per renderlo consapevole di queste competenze e per potenziarle ulteriormente tramite il processo di qualificazione;

 4 › Infine, si affida a questo gruppo il compito di coinvolgere il resto della popolazione nello sviluppo della medesima competenza.

Francesca Filippucci, Hr Country Lead di Biogen Italia racconta come Biogen ha applicato questa metodologia per rafforzare la resilienza dell’intera popolazione aziendale. Seguendo le quattro fasi descritte precedentemente e con il supporto di SCOA Biogen ha raggiunto l’importante traguardo di certificazione delle competenze di alcune risorse chiave ed il potenziamento di una soft skill fondamentale per affrontare al meglio l’attuale scenario economico caratterizzato da continui cambiamenti e da estrema volatilità.C

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email