Lo stato dell’arte del Coaching e del Mentoring

Lo stato dell'arte del Coaching e del Mentoring
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

EMCC ha condotto uno studio in collaborazione con la Henley Business School in 50 nazioni sull'andamento del Coaching e del Mentoring. La ricerca si è svolta in 31 lingue con la collaborazione di 100 organizzazioni o associazioni legate al Coaching e al Mentoring.

Lo studio mette in luce una professione giovane e tendenzialmente femminile: il 62% esercita questa professione da meno di 7 anni; il 61% di tutti i Coach/Mentor sono donne.

Per quanto riguarda invece l’età anagrafica, il 50% ha meno di 50 anni. Il Mentoring è utilizzato prevalentemente per supportare lo sviluppo della leadership e tipicamente la relazione si sviluppa con conversazioni che vanno dalle 3 alle 7 ore al mese. Il Coaching può essere svolto attraverso vari tipi di approcci. Dalla ricerca emerge che in generale il modello più diffuso rimane il modello GROW. Seguono i modelli solution focused, quindi quelli basati su PNL, su approcci di tipo cognitivo comportamentale, transazionale e gestalt. Ovviamente l’utilizzo dei diversi modelli dipende fortemente dal tipo di tematica oggetto di Coaching. Per il 62% dei Coach la pratica riflessiva impegna dai 60 ai 120 minuti alla settimana e più di 38% dei Coach investe più di 5 giorni all’anno al proprio sviluppo professionale. La pratica della supervision è utilizzata regolarmente dal 31% dei Coach (un’ora di supervision ogni 25 ore di Coaching) mentre il 34% non la utilizza per niente.

Follow us
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email